lunedì 9 dicembre 2013

Le Antologie della Stratosfera Vol. 2 - Nuova Idea - Singles, Rare & Live

Trattandosi di uno dei miei gruppi preferiti della scena prog italiana, mi sono messo di buzzo buono per realizzare un percorso storico-cronologico legato alla loro produzione musicale, passando attraverso 45 giri, rarità e brani live. E' un lavoro che ho costruito un po' alla volta e così, quasi senza rendermene conto, l'abbondante materiale recuperato è andato a comporre due CD. Come sapete la loro discografia ufficiale, perlomeno quella col nome Nuova Idea, composta da soli tre LP, è stata da poco ristampata dalla Mellow (2009 e 2011). Quindi non ci sarà nessun post dedicato ai loro album. Tempo fa il nostro Captain aveva postato "In the Beginning" (ma ora il link è inattivo), così come erano stati postati i dischi dei gruppi "fantasma". Sopperirò alla tiritera biografica sul gruppo (il web è zeppo di informazioni) per dedicarmi unicamente al percorso discografico. Ricordiamo ancora che Paolo Siani, storico batterista della band, solo recentemente ha raccontato che la prima formazione della Nuova Idea si nascondeva, per ragioni contrattuali, dietro altri nomi (Underground Set, Psychedelic Group e Hot Underground Group). Vale la pena ricordare che lo stesso Paolo Siani è ritornato da qualche anno sulle scene, pubblicando nel 2010, a nome "Paolo Siani & Friends feat. Nuova Idea", uno splendido album intitolato "Castles, Wings, Stories & Dreams", coadiuvato da ex membri della Nuova Idea (Giorgio Usai, Ricky Belloni, Marco Zoccheddu) e da musicisti del calibro di Mauro Pagani e Joe Vescovi. Una sorta di reunion della storica band genovese, seguita peraltro da alcune esibizioni live. Sul Tubo troverete qualcosa, se cercate attentamente. 

Per tornare alla nostra compilation "home made", il CD1 raccoglie le prime incisioni a 45 giri della band, prima come J.Plep, quindi come Underground Set e Hot Underground Group. A queste si aggiungono alcune rarità assolute, quali brani mai pubblicati su vinile. Il CD2 comprende, invece, tutti i singoli del gruppo col nome Nuova Idea con l'aggiunta di alcune rare tracce live. 


TRACKLIST CD 1

Gli esordi: J. Plep
01  La scala (lato A, 1969)
02  L'anima del mondo (lato B, 1969)
03  Soul Of The World #1 (inedito su disco, incluso nella colonna sonora del film "L'uomo dal pennello d'oro", 1969 - posto in apertura del film)
04 Soul Of The World #2 (come sopra, versione più lunga posta a chiusura del film)

Le Ghost Band: The Underground Set / The Hot Underground Group
05  Arcipelago (lato A, 1970 - tratto dall'omonimo disco di esordio degli Underground Set)
06  La filibusta (lato B, 1970 - attribuito all'Orchestra di Gian Piero Reverberi)
07  Motor Road Underground (lato A, 1970 - inedito su album)
08  Slaughter On The Motor Road (lato B, 1970 - inedito su album)
09 Tanto per cambiare (lato A, 1970 - inedito su album)
10  Emisfero (lato B, 1970 - tratto da "The Underground Set")
11  Una lettera (lato A, 1970 - tratto dal 2° LP "War in the night before")
12  Libitum (lato B, 1970 - tratto da "War in the night before")
13  Emisfero (versione inedita su disco, inclusa nella colonna sonora del film "L'uomo dal pennello d'oro", 1969)
14  CH4 (lato A, 1971  pubblicato col nome "The Hot Underground Group" - Il lato B è attribuito a Gian Piero Reverberi)

Qualche breve commento su questo primo CD. Si apre con il primissimo 45 giri del gruppo che allora si chiamava J.Plep. Seguono gli inediti dalla colonna sonora del film "L'uomo dal pennello d'oro", classico B-movie fine anni '60 con la mitica Edwige Fenech. Il film non è proprio da Oscar, ma la colonna sonora è veramente bella: J.Pleg e Underground Set (Arcipelago è presente in dosi massicce) sono gli artefici delle musiche. La breve versione di "Emisfero", suonata nelle prime sequenze del film, è in una tonalità diversa rispetto al singolo originale

Gli altri 45 giri sono molto belli, ancora acerbi rispetto al suono della Nuova Idea, ma comunque decisamente affascinanti. Due parole le merita il brano "CH4", pubblicato a nome "The Hot Underground Group". Grazie ad una lunga intervista rilasciata da Paolo Siani alla rivista "BEATi voi!" nel 2011, si sono scoperti i retroscena di quest'altra denominazione del gruppo che ha inciso questo unico brano su 45 giri, dai forti tratti psichedelici e dalle sonorità acide, nel 1971, condividendolo con un lato B attribuito al solito Gian Piero Reverberi, dal titolo "Messaggio per te". La formazione a nome The Psycheground Group ha inciso un solo LP nel 1971, ma nessun 45 giri.


 
TRACKLIST CD 2

La Nuova Idea - Singoli
01  Pitea, un uomo contro l'infinito (lato A, 1970 - inedito su album)
02  Dolce amore (lato B, 1970 - tratto da "In the Beginning")
03  La mia scelta (lato A, 1971 - tratto da "In the Beginning")
04  Non dire niente (lato B, 1971 - tratto da "In the Beginning")
05  Mister E. Jones (lato A, 1972 - tratto da "Mr. E. Jones")
06  Svegliati Edgar (lato B, 1972 - tratto da "Mr. E. Jones")
07  Sarà così (lato A, 1973 - inedito su album)
08  Uomini diversi (lato B, 1973 - inedito su album)

La Nuova Idea - Live
09  Come come come (live 1971)
10  Illusione da poco (Festival di Avanguardia e Nuove Tendenze, Roma 1972 - presenta Renzo Arbore)
11  Illusione da poco (con orchestra diretta da Pino Calvi - Senza Rete, RAI TV, 1972 - presenta Mia Martini)

Poche considerazioni su questo secondo CD. Tutti i brani sono a nome della Nuova Idea e, a parte qualche inedito, sono estrapolati dai primi due album. Assolutamente degne di rilevo le tracce live, peraltro piuttosto rare. La prima si intitola "Come come come", brano che all'epoca era un cavallo di battaglia nei concerti live del gruppo. Si narra di una versione di oltre 20 minuti (chissà se qualcuno possiede questa registrazione) suonata al Festival Pop di Viareggio nel 1971. Nella versione qui presentata, posta a sigla di chiusura di una trasmissione televisiva della RAI, luogo e data sono sconosciuti. Seguono due diverse versioni di "Illusione da poco", la prima suonata in occasione del mitico Festival delle Nuove Tendenze di Roma, la seconda nella trasmissione televisiva "Senza Rete" (serie andata in onda negli anni 60-70), dove la Nuova Idea è accompagnata dall'orchestra diretta da Pino Calvi.

FORMAZIONI:

1969-71
 Marco Zoccheddu (chitarra, voce)
 Claudio Ghiglino (chitarra, voce)
 Giorgio Usai (tastiere, voce)
Enrico Casagni (basso, flauto, voce)
Paolo Siani (batteria, voce)

1972
Marco Zoccheddu sostituito da 
Antonello Gabelli (chitarra, voce)

1973
Antonio Gabelli sostituito da 
Arturo "Ricky" Belloni (chitarra, voce)

 
Un grazie a Roby per la realizzazione delle front cover. A tutti voi buon ascolto.


Post by George

P.S. by Captain: l'amico George mi concede sempre il privilegio di dare un'occhiata ed aggiungere qualche "rifinitura" ai suoi post, prima di pubblicarli. E così questa volta mi devo scusare con lui: notando le analogie tra questa collection e quella che io feci quest'estate dedicata ai Trip, ho ceduto alla mia personale mania delle "serie", facendo di questa magnifica collection il vol. 2 de "Le Antologie della Stratosfera", collezione tematica dedicata alla raccolta di singoli, rarità in studio e live dei protagonisti del rock progressivo italiano... Cari bloggers, la sfida è aperta, muoio dalla curiosità di scoprire chi sarà il protagonista del prossimo volume, a me qualche idea sta già venendo...

8 commenti:

  1. Con questo post vi siete proprio superati, grandissimi!

    RispondiElimina
  2. Ringrazio pubblicamente il nostro Captain sia per le splendide copertine, che danno i crismi dell'ufficialità a questa compilation-bootleg, sia per l'idea di creare una nuova serie, ovvero "Le antologie della Stratosfera", che mi trova assolutamente consenziente. Quello che tu, Roby, hai definito "privilegio ...di fare qualche rifinitura", ("rifiniture" che io stesso ti richiedo, tempo permettendo) fa parte di quel gioco di squadra che è stato condiviso nel momento in cui, tempo fa, hai deciso di aprire le collaborazioni ad altri blogger. Grazie per il tempo che dedichi anche ai post altrui. Avanti così!

    RispondiElimina
  3. Anche gli Psycheground group erano sempre la Nuova Idea.

    RispondiElimina
  4. Verissimo, tant'è che li ho citati più volte nel post, solo che non hanno pubblicato nessun 45 giri. Ciao

    RispondiElimina
  5. Grandissimo post,veramente!Ero al concerto a Genova,l'anno scorso per Paolo Siani and Friends.Ovviamente era la Nuova Idea che suonava sul palco e hanno eseguito dal vivo proprio " Sarà così".....Bellissimo concerto.Nessuno ha la registrazione?

    RispondiElimina
  6. Buongiorno! Grazie per questo post,
    Effettivamente i ragazzi del magazine prog beat "BEATI VOI" scoprirono quel 45 giri di cui nessuno ancora aveva saputo con la superba CH4 (lo cercai subito!) ma vi faccio notare che in un altro loro numero (il n.15) che ho acquistato da pochi giorni hanno proseguito la ricerca e hanno inserito un EP con 4 canzoni della Nuova IDEA (con uno dei loro tanti pseudonimi) con addirittura 4 brani mai editi in altro formato, la curiosità in se è che si tratta di cover di gruppi prog italiani del periodo... stranissima questa cosa! Qui non lo vedo! Ciao

    RispondiElimina