domenica 1 gennaio 2012

Perdio - 1998/2008 - Discografia completa (Superpost)

Perdio - 1998 - Raccolta Completa (Registrazioni del 1973 - 1976)

TRACKLIST
:

01 Introduzione
02 E' triste il vento
03 Per l'amico Matteo
04 In sogno
05 London Derry
06 E' triste il vento II

Perdio - 1998 - A Robert

TRACKLIST :

01 - A Robert
02 - Non lontano molto tempo fa
03 - Fermati fermati
04 - Caroline
05 - For Love
06 - Cerca dentro te
07 - Caleidoscopio
08 - Che strano amore
09 - Deve esserci
10 - Magiche melodie

Perdio - 2008 - The Ultimate Collection 1974

TRACKLIST :

01 - Improvvisazione n°1
02 - Per l'amico Matteo
03 - Improvvisazione n°2
04 - E' triste il vento
05 - Playing in the band
06 - Jumping Jack flash
07 - E' triste il vento (alternative version)
08 - The gold it's in the
09 - Well all right
10 - Ohio

Quale migliore modo di iniziare un anno che, si spera, sarà stratosferico, almeno qui nella Stratosfera, se non con una bella discografia completa, magari con quella di un grande gruppo, scoperto solo "a posteriori", come i Perdio? Una gran bella band che, purtroppo, non ebbe alcuna fortuna, discograficamente parlando, negli anni 70, e questo nonostante un'intensa attività "live". La musica di questo terzetto, poi quartetto nel 1976, soprattutto nelle 2 lunghe improvvisazioni del terzo album qui presentato, è secondo me fortemente reminescente dei grandi Pink Floyd, naturalmente con le dovute distanze.

Cosi su Italianprog.it
(link) : "Gruppo di Bergamo, che ha avuto una carriera durata circa tre anni, cominciando nell'estate 1972, Colleoni e Capogrosso avevano precedentemente suonato con i Raminghi e poi i Terza Classe, con un unico singolo nel 1971, Animal love; purtroppo, nonostante una buona attività concertistica, non ebbero mai un contratto discografico, ed un CD con le registrazioni di quegli anni è uscito solo alla fine degli anni '90. Dopo aver suonato in concerto con il Banco del Mutuo Soccorso, i musicisti vennero contattati dal produttore della Ricordi Sandro Colombini, che offrì loro di suonare in studio con alcuni artisti di quella etichetta. Così suonarono sull'album d'esordio di Edoardo Bennato, Non farti cadere le braccia, e questa è stata apparentemente l'unica apparizione su disco all'epoca. Il gruppo suonò anche di spalla ad artisti importanti come Claudio Rocchi, Alberto Camerini, Aktuala, New Trolls Atomic System, P.F.M., Tullio De Piscopo, Alan Sorrenti, Area, Franco Battiato (con quest'ultimo durante il tour promozionale di Sulle corde di Aries), ma non riuscirono ad attrarre l'interesse di nessuna etichetta e si sciolsero alla fine del 1974. Una breve riunione avvenne nel 1976, stavolta come quartetto con un chitarrista, ma il nuovo gruppo non durò a lungo. L'attività dei Perdio è stata ben documentata da un CD stampato dalla Giallo Records nel 1998, contenente quattro brani del 1973 and due con la formazione del 1976. Il trio iniziale dimostra un'ottima qualità tecnica che avrebbe potuto essere esaltata da un buon produttore, come in In sogno, lunga 12 minuti. I brani del 1976 contengono lunghe parti improvvisate, uno di essi è lungo 22 minuti. Due dei sei brani del CD sono versioni diverse di una bella canzone, È triste il vento, apparsa sul secondo album dei Madrugada, Incastro. A seguito dell'interesse per la loro attività, il gruppo si è riformato nel 1998 con una formazione comprendente i membri originali Monieri e Capogrosso ed il tastierista Gianfranco Pinto (dei Madrugada) oltre al chitarrista Pino Bifano come ospite. Questo gruppo ha pubblicato un CD, intitolato A Robert, dedicato a Robert Wyatt e contenente anche una versione italiana della sua O Caroline. Nel 2008 la Giallo Records ha realizzato un secondo CD di registrazioni inedite degli anni '70, intitolato Ultimate collection 1974, comprendente in prevalenza covers di brani di gruppi stranieri (Neil Young, Rolling Stones, Grateful Dead), insieme a qualche originale (di nuovo È triste il vento, in due versioni) e a due lunghe improvvisazioni."

I PERDIO - 1972-74 :

Titta Colleoni - Tastiere, voce
Fulvio Monieri - Basso, chitarra, voce
Michele Capogrosso - Batteria, voce

I PERDIO - 1976 :

come sopra +
Diego Valtorta - Chitarra

Buon triplo ascolto ed inizio d'anno, of course

LINK - Raccolta Completa
LINK - A Robert
LINK - The Ultimate Collection 1974


P.S. - Ringrazio gli uploaders di questo terzetto d'albums. Dato che ho tardato ad eliminarli dalla wishlist, gli uploads sono arrivati da più fonti. Io ho postato oggi le versioni migliori. Ringrazio Rattus Italicus, Grog (che sta collaborando in maniera davvero massiva all'estinzione della wishlist), ed un altro volenteroso amico che fece, qualche tempo fa, l'upload della versione di "A Robert" qui postata e di cui, colpevolmente, non ricordo il nome...

5 commenti:

  1. Grazie a te ed agli uploaders per questo interessantissimo trittico. Sempre in tema di gruppi lombardi che non han mai visto un disco pubblicato all'epoca, e riportati alla luce dalla Giallo Records, un mio piccolo contributo con i Quinto Grado Mercalli, direttamente dal CD (purtroppo anche questo molto difficile da recuperare).
    http://www.mediafire.com/?zttfn3x3eqnzgc4
    Un caro saluto e stratosferico anno 2012 a tutti.
    Fabio68

    RispondiElimina
  2. Grazie mille, Fabio, il presente è davvero gradito, ne farò sicuramente un post dedicato appena avrò un briciolo di tempo...

    RispondiElimina
  3. Thanks so much! I've been wanting to hear Perdio for a long time! Hope it was worth the wait!

    RispondiElimina
  4. I lost time excelent these posts! Please re-post again

    :-))

    RispondiElimina
  5. Aiuto! sono un collezionista di cover dei rolling stones e mi sono perso questa jumpin' jack flash!Anzi, ne ignoravo l'esistenza.
    Qualcuno mi può aiutare?
    Giuseppe.

    RispondiElimina