venerdì 27 luglio 2012

Serie "Battiato & Friends Special Fan Collection" n. 2 (Serie "Bootleg" n. 61) - Franco Battiato - La Estacion de Perpinan (Live Nomadas Tour)

Franco Battiato - La Estacion de Perpinan (Live Nomadas Tour)

TRACKLIST :

01 - L'era del cinghiale bianco
02 - Perspectiva Nevskj
03 - Via Lattea
04 - Voglio vederti danzare
05 - La stagione dell'amore
06 - Centro de gravedad
07 - Mal d'Africa
08 - No time no space
09 - L'animale
10 - Nomadas
11 - Il mito dell'amore
12 - Legione straniera - Pio e Destrieri
13 - I treni di Tozeur
14 - Sentimento nuevo/Cuccurucucu
15 - Bandiera bianca
16 - Chanson egocentrique
17 - Centro di gravità permanente

Senza tregua, incalziamo con la nuovissima serie Battiato Special Fan Collection, anche perchè non vedo l'ora di ricevere altro materiale dal nostro nuovo amico Antonio. Sono un cultore del maestro sin dall'ormai lontano 1982, tanta acqua è passata sotto i ponti, ma la profonda ammirazione verso l'artista e l'uomo è rimasta intatta sino ad oggi. Questo per dirvi quanto piacere mi dia questa serie di posts e quanta passione personale ci metto pure io, il vostro scalcinato capitano, seppur in rappresentanza dell'amico Antoine...

Anche questa volta di ghiottissimo ascolto si tratta, visto che questo bootleg ci da l'opportunità di ascoltare il maestro Franco Battiato in un concerto del 1987 in Spagna, seconda patria per il nostro, visto il grandissimo successo ottenuto colà (lo dimostra la pubblicazione, sin dagli anni 80, di moltissime canzoni del suo repertorio in lingua spagnola). Dunque buona parte dei grandi classici "Battiateschi" sono qui riproposti in lingua spagnola. Un altro grande pregio di questo bootleg, oltre al suono cristallino come non mai, sta nell'inedita formazione a tre: voce, tastiere elettroniche e violino ci offrono delle stupende versioni "minimali" delle canzoni del maestro, creando (grazie al valore del trio Battiato-Pio-Destrieri) dei piccoli gioiellini sonori che rasentano la perfezione.

Come a dire: togliendo qualcosa, a volte, si aggiunge qualcosaltro...

Covers e digitalizzazione by Antonio (e passaggio sulla Stratosfera pure, grazie amico !!)

Buon ascolto amici

LINK

2 commenti:

  1. Ho una profonda ammirazione per Battiato, ma non sono mai riuscito a capirlo fino in fondo; anche perchè la sua carriera, di certo non mi ha aiutato, dagli esordi beat, al periodo sperimentale (che dir sperimentale penso sia poco) al pop di consumo, alle opere, mah...o è veramente un genio, o boh non lo capisco io...."Per Elisa" cantata da Alice e scritta da lui, bellissima canzone, be' io lo ammetto....solo un paio di anni fa ho saputo e poi capito che questa "Elisa" altri non è che la temibile e purtroppo per molti della mia generazione portatrice di morte "eroina". Sono l'unico che non lo aveva capito ?? Comunque in ogni caso capirlo o non capirlo sono documenti imperdibili e da avere. Grazie e ciao.

    RispondiElimina
  2. A tal proposito mi sembra di ricordare un'intervista ad Alice che disse che in realtà "Per Elisa" non era una canzone sull'eroina, ma era un significato che le era stato attribuito successivamente. Credo cmq che ognuno interpreti i pezzi musicali a modo suo e ognuno possa ricavarne significati diversi, quindi non vedo nessun problema :) Riguardo a questo live un altra perla! Credo sia una delle poche possibilità che i fan di Battiato abbiano per poter ascoltare in live canzoni come "Il mito dell'amore" (qui in versione leggermente modificata) e "Chanson Egocentrique" che praticamente mai vengono eseguite dal vivo da molti anni a questa parte. Grazie ancora!
    Andrea

    RispondiElimina