domenica 5 maggio 2013

Ricordi d'Infanzia - 1973 - Io Uomo

Mi piace di tanto in tanto andare a riscoprire qualche bel disco di prog rock "tradizionale" anni '70, pescando in particolare dalla mia collezione di vinile. Ed ecco che mi sono ritrovato tra le mani l'unica prova discografica a 33 giri di questo sconosciuto gruppo risalente al 1973, ovvero uno degli anni clou del progressive italiano. Leggiucchiando sul sito Italianprog.com ho avuto conferma che la versione vinile è alquanto rara ed  è uno dei dischi della Fonit-Cetra più difficili da reperire.  E allora, perché non condividerlo con gli amici della Stratosfera? L'album è stato ristampato nella serie Fonit-Cetra/Vinyl Magic nel 1991 con una copertina singola in cartoncino normale (nella versione originale è apribile) e nuovamente nel 2009 dalla BTF/Vinyl Magic. Altre informazioni "tecniche": entrambi i brani dall'unico singolo ufficiale dei Ricordi d'Infanzia, Mani fredde e Latte e Rhum (li trovate tra le bonus tracks), compaiono su una compilation promo giapponese con 9 brani della Nexus, intitolata Nexus International Italian Rock Special che contiene anche brani da singoli di Hunka Munka, New Trolls, Krel (pre-PFM) e Patrizio Alluminio (Alluminogeni). Un secondo singolo contenente due brani dall'LP è stato probabilmente pubblicato solo come promo con copertina generica della casa.

 Japan edition sleeve

TRACKLIST:
01  Caos
02  Creazione
03  L'Eden
04  2000 anni prima
05  Preghiera
06  Morire o non morire
07  2000 anni dopo
08  Uomo mangia uomo
Bonus Tracks
09-10  Mani Fredde / Latte e Rhum (45 giri, 1973 - entrambi i brani inediti su LP)
11  Una chiesa vuota (come Gli Aspidi - 45 giri, lato A, 1967)
12  Cerco l'amore (come Gli Aspidi - 45 giri, lato B, 1967)
13  Forse amore non è (come Gli Aspidi - tratto dalla compilation "Nuovi complessi d'avanguardia da Radio Montecarlo", 1971)

E veniamo al disco in questione. Il gruppo, composto da 5 brianzoli, ha esordito negli anni '60 col nome Gli Aspidi, pubblicando un 45 giri nel 1967 e apparendo con un brano inedito, già dal sapore beat-prog, in una compilation uscita nel 1971. Tutti e tre i brani li trovate tra le bonus tracks. Onore al merito: nel dicembre 2012 il buon Grog aveva già postato il 45 giri degli Aspidi (non mi sembra però che il link sia ancora attivo), pertanto per la breve biografia del gruppo vi rimando al suo post. Nel 1972, dopo qualche avvicendamento nella formazione, il quintetto assume il nome "I Ricordi d'Infanzia" e suona come spalla ai Pooh e alle Orme. Incide il primo  e unico 33 giri nel 1973, sfornando un ottimo rock progressivo, con qualche venatura hard, grazie alla chitarra di Franco Cassina e alle tastiere (in particolare l'organo Hammond) di Maurizio Vergani. Come spesso accadeva nei gruppi prog italiani (tranne alcune luminose eccezioni) i testi sono la parte più debole: nel caso specifico ci troviamo di fronte ad una sorta di concept album sul tema della creazione del genere umano (tema molto gettonato all'epoca). Dopo l'insuccesso dell'album, passato inosservato a causa della mancata promozione della casa discografica, il gruppo cambia formazione con l'ingresso di Gianni Bari (sax) e Ugo Biondi (tastiere) al posto di Cassina e Vergani, continuando a suonare fino al 1976. Poi, il silenzio.

FORMAZIONE:

Emilio Mondelli: voce
Franco Cassina: chitarra, voce
Maurizio Vergani: tastiere, voce
Tino Fontanella: basso
Antonio Sartori: batteria, percussioni

LINK

Post by George

2 commenti: