sabato 1 giugno 2013

Automat - 1978 - Automat


TRACKLIST:

1. Automat (The Rise Advance Genus)
2. Droid
3. Ultraviolet
4. Mecadence

 Romano Musumarra 




LINE UP :

Romano Musumarra - keyboards
Claudio Gizzi – keyboards
Mario Maggi - sampling


Claudio Gizzi




da Italianprog.it:

"Una scelta originale per un gruppo italiano degli anni '70, gli Automat furono un duo di Roma comprendente due tastieristi, ed un terzo musicista, Mario Maggi, coinvolto nella programmazione delle tastiere. Maggi era il costruttore del synth MCS70 usato in questo disco, e i suoni e le potenzialità del nuovo strumento furono la base dell'ispirazione di questo disco.
Contemporaneamente agli Automat, Romano Musumarra suonava anche in un gruppo totalmente diverso, La Bottega Dell'Arte, in attività tra il 1975 ed il 1984 con molti singoli di successo. L'altro componente del duo, Claudio Gizzi, aveva invece una preparazione classica. 
Il loro album del 1978 è un esempio piuttosto raro di musica ellettronica strumentale italiana, costruito interamente su suoni e ritmi sintetici, ed è nello stesso stile dei lavori contemporanei di Kraftwerk e Jean Michel Jarre, il cui Oxygene fu registrato nello stesso periodo e pubblicato pochi mesi prima di Automat
Il lato A è interamente occupato dalla lunga suite Automat di Claudio Gizzi, mentre la facciata B side contiene tre brani più brevi di Musumarra. Uno di questi, Droid, venne scelto come sigla dalla rete televisiva brasiliana Globo TV, e l'album ed un singolo vennero stampati in quel paese. Musumarra ha continuato a comporre musica per tastiere negli anni '80, con colonne sonore (in particolare in Francia) e lavori come produttore. 
Claudio Gizzi compare con un brano in veste di arrangiatore e direttore d'orchestra nell'album My favourite tones pubblicato nel 1973 dalla leggendaria etichetta Picci. "





Buon ascolto e Dajeccosì!

LINK 

Post by Ya Hozna 
 

P.S. LASCIARE UN COMMENTO E/O UN GRAZIE NON GUASTA MAI...

1 commento:

  1. Sentito sul tubo, a tratti più Alan Parson Project che Kraftwerk, comunque interessante. Grazie della scoperta

    RispondiElimina