sabato 11 gennaio 2014

Serie "Bootleg" n. 143 - Franco Battiato - Diwan 22/11/2013, Teatro Regio di Parma

Per questo post dobbiamo ringraziare l'amico alifib (al secolo renzo da Reggio Emilia), io non ho fatto altro che impaginare, uploadare e postare.

GRAZIE

Il concerto di Parma è la seconda data di un breve tour nei teatri (nove città), a cavallo fra novembre e dicembre, che ripropone in forma leggermente modificata (nei titolo e nei musicisti) un progetto già presentato nel giugno del 2011 in due sole rappresentazioni (Barletta e Bologna).

Dalla presentazione ufficiale del sito di Battiato:
"Diwan è un progetto musicale per ricordare una cultura dimenticata e una lingua che nella sua diversità appartiene al nostro patrimonio. Fu attorno all’anno Mille che in Sicilia fiorì nell’arco di tre secoli un’importante scuola poetica araba le cui ricche testimonianze sopravvivono in preziosi manoscritti. Franco Battiato ripropone queste preziose opere, con un ensemble multietnico d’eccezione, un evento musicale che è molto più di un semplice concerto. Canzoni scritte per questa occasione, brani tradizionali oltre che nuove interpretazioni di alcuni suoi brani. Il progetto nasce dalla collaborazione con il Parco della Musica di Roma, è curato da Oscar Pizzo ed ha avuto tre rappresentazioni nel 2011. Franco Battiato sarà accompagnato in palco da un gruppo di musicisti di grande rilievo tra cui Etta Scollo, Nabil Salameh dei Radiodervish, il tastierista e collaboratore di Battiato Carlo Guaitoli, Gianluca Ruggeri della PMCE e Ramzi Aburedwan fondatore degli Al Kamandjâti".

Dice alifib:
Ascoltare Battiato in teatro, specie nei concerti acustici, è sempre un'esperienza piacevolissima; il Regio di Parma poi è uno dei primissimi in Italia, dotato di un'acustica pressoché perfetta, per cui si è trattato di una serata particolarmente bella e gratificante. Anche perché gli arrangiamenti studiati appositamente per questo organico del tutto singolare (e decisamente in sintonia con i brani scelti per l'occasione) hanno vestito la musica di Battiato di un abito diverso e molto accattivante. Molto interessanti anche i brani di altra estrazione: mi sono piaciuti in modo particolare quelli cantati da Etta Scollo, cantante siciliana che non conoscevo, dotata di una voce davvero stupenda.
Spero ardentemente di vedere questo progetto pubblicato discograficamente.




23 commenti:

  1. purtroppo ci sono molti files corrotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OPPSSS, li ho presi per buoni e non li ho controllati, adesso dò un occhio e poi chiedo specificazioni.... per corrotti cosa intendi?

      Elimina
  2. perchè sono file exe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rinserito in 4 parti staccate le une dalle altre, scarica e controlla per favore

      Elimina
  3. Strano, quando li ho caricati erano tutti flac.... li rifaccio

    RispondiElimina
  4. Li ho riascaricati dai miei files, sono tutti flac e jpg e pdf....

    Ma quale film hai visto? Di exe neanche l'ombra!!!!

    RispondiElimina
  5. Confermo che ci sono alcuni files corrotti ad esempio "aurora". Si può fare qualcosa ? Grazie

    RispondiElimina
  6. Corrotti nel senso che non sono completi, ad esempio "l'ombra della luce" dura soltanto pochi secondi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuo a ribadire che non capisco dove sia il problema. Li ho riscaricati dai miei link: Aurora è perfetto e l'ombra della luce dura più di 4 minuti; chiederò a qualche mio collega di scaricarli a sua volta e di controllare, se anche a loro risulteranno corrotti li rifaccio, ma se a loro risulteranno perfetti, non farmi dire parolacce! Fai una cosa anche tu, propva a riscaricarli, magari uno per volta con il pc che non fa altro e ricontrolla, a volte è il download che fa dei guai....

      Elimina
  7. Ciao
    Prima di tutto grazie per questo splendido concerto (l'avevano rimosso da youtube...). L'unico neo è che in tutti i file scaricati (molti brani sono doppi) manca "Fogh in Nakhal" del cd 2, brano 8.
    Forse sarebbe il caso di risistemarli in soli due link per cd1 e cd2, ma va benissimo anche così. Se solo Alifib condividesse anche il brano che manca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rinserito in 4 parti staccate le une dalle altre, scarica e controlla per favore

      Elimina
  8. Eppure c'è!
    Cominque sto rimettendolo su in 4 pezzi spaiati e non compressi di fila, cioè autonomi. Meno di così non si può, i flac sono troppo grandi!

    RispondiElimina
  9. Grazie. Ora è perfetto! Consiglio, per il futuro e vista la pesantezza dei file flac., di convertirli con vlc. Ę un software gratuito molto comodo. Grazie davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il consiglio, ma mi sono arrivati così e ho preferito non perdere qualità e donarveli intatti.
      E quando li converto io da vinile li catturo in wav e, sempre per non perdere qualità e dati, converto tutto in flac, la grandezza non mi importa, ma la qualità sì, anche la sola trasformazione in mp3 320 comporta la perdita di dati...

      Elimina
  10. Il post è ottimo, Grog, però non sarebbe meglio inserirlo, col suo bel numerino progressivo, nelle serie già esistenti, dicasi la serie bootleg? Così evitiamo le dispersioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe anche andare, anche se non è un vero bootleg, è una copia unica privata, ma se il Boss pensa che possa rientrarci, a lui l'onore di riclassificarla.

      Elimina
  11. Grazie tante per questo concerto ! Perfetto !

    RispondiElimina
  12. Gracias desde España

    RispondiElimina