mercoledì 28 maggio 2014

Le Antologie della Stratosfera Vol. 8 - Edoardo Bennato: the early years - Singles, Rare & Live (1966-1979)

Con questo post ho voluto creare uno spazio sulla Stratosfera per rendere giustizia ad Edoardo Bennato, personaggio storico della scena musicale italiana, musicista di lungo corso che ha il merito di avere attraversato più o meno indenne almeno quattro decenni musicali, plasmando intelligentemente la sua musica ai cambiamenti e ai gusti dei tempi. L'omaggio a Bennato resta confinato all'interno del perimetro degli anni '70 con una proposta musicale molto ricca che parte dai suoi primi 45 giri, per proseguire con alcune registrazioni rare dal vivo, una di queste realizzata proprio da chi vi scrive. L'ispirazione, ad essere sincero, l'ho avuta nel momento in cui mi sono ritrovato tra le mani il doppio CD "Io c'ero", che raccoglie l'eccezionale testimonianza di un infuocato concerto del musicista partenopeo al Teatro Circo di Roma il 26 gennaio 1976 (pubblicato dalla Cheyenne Rec. nel 2006 - acquistatelo perché ne vale la pena). Ripercorreremo insieme le origini musicali del nostro "one man band", musicista assolutamente atipico, che ha lasciato una traccia profonda nel panorama rock-blues italiano (almeno negli anni '70). Ci fermeremo nel 1979. Da lì in avanti, la svolta musicale di Edoardo Bennato non mi ha più interessato. 

Edoardo Bennato nel 1969
Napoletano DOC (fratello di Eugenio - fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare - e di Giorgio 'Zito') , Edoardo Bennato è stato senza dubbio il primo musicista italiano a proporsi come "uomo orchestra", suonando in contemporanea chitarra, armonica a bocca, kazoo e tamburello a pedale, ispirandosi ai bluesmen e ai cantastorie americani quali Bob Dylan, Woody Guthrie, ma anche Jimmy 'Hammond' Smith e Neil Sedaka. Ha condito la sua musica, almeno a partire da "I buoni e i cattivi" per tutto il decennio degli anni '70, con testi ironici e graffianti, cavalcando la protesta contro il potere e le istituzioni che aveva caratterizzato quel periodo. Per leggere la biografia completa di Edoardo Bennato, vi rimando a Wikipedia (dalla quale ho tratto alcune informazioni), cliccando qui.

Edoardo Bennato e Marco Ghirardelli nel 1969
Vorrei sottolineare solamente alcuni passaggi importanti che concernono la carriera musicale di Edoardo, ad iniziare dall'incontro con il direttore artistico della Ricordi, Vincenzo Micocci, che gli permette di incidere il primo 45 giri, nel 1966 (che non raccoglie però alcun successo). Altro aspetto importante è rappresentato dal sodalizio musicale con Herbert Pagani, per il quale Edoardo scrive i testi di alcuni brani, tra cui Cin cin con gli occhiali (1968), Ahi le Hawai (1969) e Fuoco bianco (1970). Per questa ragione la Numero Uno, la nuova casa discografica fondata da Mogol e Battisti, lo mette sotto contratto, facendogli incidere un secondo 45 giri, Marylou (scritta insieme al fratello Eugenio, con testo di Mogol), con chiare influenze del rock'n'roll anni cinquanta. Il lato B, La fine del mondo, è scritta da Edoardo su un testo di Herbert Pagani. Con l'inizio degli anni '70 Bennato scrive canzoni anche per altri musicisti (Formula Tre, Bruno Lauzi, Michele, Bobby Solo, ecc.) e arriva ad incidere il suo terzo 45 giri, 1941, cover di un brano di Harry Nilsson. L'anno dopo è la volta di Copenaghen e Marjorie (quest'ultima cantata in inglese). L'esito commerciale è sempre scarso. 

Dopo aver trascorso un breve periodo londinese come "one man band", al ritorno a Milano incide il primo LP, "Non farti cadere le braccia". Un aneddoto del periodo: date le scarse vendite del 33 giri, l'allora direttore artistico della Ricordi, Lucio Salvini, invitò il cantautore a smettere di cantare per dedicarsi alla professione di architetto (laurea che Bennato aveva conseguito da poco). Nonostante ciò il disco viene ben recensito e nel 1974 esce sul mercato "I buoni e i cattivi", a mio avviso il più grande disco di Edoardo Bennato, che raccoglie due inni generazionali quali Ma che bella città e Salviamo il salvabile (entrambi anche su 45 giri). Da qui in avanti la strada sarà tutta in discesa. Sempre nel 1974 esce un 45 giri contenente due nuove canzoni: Meno male che adesso non c'è Nerone e Parli di preghiere: la prima sarà inserita nell'album successivo, "Io che non sono l'imperatore", pubblicato dalla Ricordi agli inizi del 1975, mentre la seconda resterà inedita su LP (ma verrà inserita nella raccolta "Le Origini"). 

"La torre di Babele" viene pubblicato nel 1976 e prosegue sulla strada dell'impegno sociale dei testi, ma con venature musicali più vicine al rock e al blues, sempre in chiave acustica, grazie anche alla presenza del chitarrista Roberto Ciotti e di Dario Iori alla chitarra e banjo tenore. Il 1977 è l'anno di "Burattino senza fili", un disco che, sulla falsariga della storia del Pinocchio di Collodi, analizza, critica e sentenzia su alcuni importanti aspetti sociali e filosofici che interessano la vita. Al fianco di questa ricca produzione artistica si susseguono le esibizioni live - con e senza gruppo di supporto - e le apparizioni televisive, molte di queste riprese in questo post nella sezione "Rare Live Tracks". Nutrita e di altissimo livello la schiera dei musicisti che lo accompagnano sia in studio che dal vivo. Tra questi ricordiamo Tony Esposito, Vince Tempera, il fratello Eugenio, Shel Shapiro, Lucio Bardi, Robert Fix, Stefano Cerri, Lucio Fabbri, Roberto Ciotti, Gigi Di Rienzo. E qui finisce l'avventura degli anni '70 e con essa l'oggetto del nostro post.

Tutti i singoli 1966-1978

DISC 1

01.  Era solo un sogno - lato A, 1966
02.  Le ombre - lato B, 1966
03.  Marylou - lato A, 1969
04.  La fine del mondo - lato B, 1969
05.  1941 - lato A, 1970
06.  Vince sempre l'amore - lato B, 1970
07.  Goodbye Copenaghen - lato A, 1971
08.  Marjorie - lato B, 1971
09.  Detto tra noi - lato A, 1973
10.  Non farti cadere le braccia - lato B, 1973
11.  Salviamo il salvabile - lato A, 1974
12.  Ma che bella città - lato B, 1974
13.  Meno male che adesso non c'è Nerone - lato A, 1974
14.  Parli di preghiere - lato B, 1974




DISC 2

01.  Feste di piazza - lato A, 1975
02.  Io per te Margherita - lato B, 1975
03.  Cantautore (studio version) - lato A, 1976
04.  Venderò - lato B, 1976
05.  Franz è il mio nome - lato A, 1976
06.  Viva la guerra - lato B, 1976
07.  Il gatto e la volpe - lato A, 1977
08.  Mangiafuoco - lato B, 1977
09.  Rock 'n' Roll Hero (versione inglese di "Cantautore") - lato A, 1978
10.  The Tower of Babel - lato B, 1978

Rare bonus tracks
11.  Non devi chiedere - inedito, demo 1968-69
12.  Hey Boy - inedito, demo 1968-69





I singoli qui pubblicati, a parte il primo 45 giri della Ricordi, uscito nel lontano 1966, indicano già con chiarezza le sonorità musicali e la strada che Edoardo Bennato intenderà percorrere negli anni a venire. Assolutamente interessante è il 45 giri pubblicato nel 1978 per il mercato estero, contenente le versioni in inglese di Cantautore e de La torre di Babele. Da non perdere anche la versione studio di Cantautore, tratta da un 45 promo non in commercio. Altre due chicche sono i demo incisi nel periodo 1968-1969 e mai pubblicati su disco ufficiale. 

Link I singoli CD 1
Link alternativo CD 1 (cliccare premium download)
Link I singoli CD 2
Link alternativo CD 2 (cliccare premium download)


Rare Live Tracks 1974-1979

La seconda parte del post è dedicata ad una serie di rare registrazioni tratte da apparizioni televisive e da bootleg. Le ho assemblate con un po' di pazienza in rigoroso ordine cronologico. Di certo la dimensione live del primo Edoardo Bennato è quella che meglio faceva trasparire la sua carica di musicista rock e blues, di one-man band, quasi sempre solo sul palco con la sua piccola orchestra personale. Un busker ante litteram a tutti gli effetti, innamorato dei cantautori americani (non per nulla nel suo primo repertorio - seppur per un brevissimo periodo - proponeva Deportee di Woody Guthrie), controcorrente rispetto alla musica italiana dei mid '70, con tratti distintivi unici nel panorama nazionale. 

TRACKLIST:

01. Ma che bella città (RAI TV, 1974)
02. Ci sei riuscita (Firenze, Circolo Andreoni, 26 giugno 1975)
03. Affacciati, affacciati (Firenze, Circolo Andreoni, 26 giugno 1975)
04.  Deportee (Plane Wreck at Los Gatos) (Woody Guthrie cover, estate 1975)
05. "Io che non sono l'imperatore" - Speciale RAI TV, 18 novembre 1975) part 1
a - Intro
b - Bravi ragazzi
c - Ma che bella città
d - Io che non sono l'imperatore
06. "Io che non sono l'imperatore" - Speciale RAI TV, 18 novembre 1975) part 2
a - Un giorno credi
b - Salviamo il salvabile
07. Meno male che adesso non c'è Nerone - Live 1975
08. Cantautore (con Lucio Dalla, live 1976)
09. Il gatto e la volpe (Live "One man band" concert, 1977)
10. Meno male che adesso non c'è Nerone (Special TV "Musica in libertà", 15 maggio1978)
11. Quante brave persone (Roma, Villa Ada, 20 giugno 1978)
12. Parli di preghiere (Viareggio, Stadio dei Pini, 15 luglio 1978)
13. Dotti, medici e sapienti (Live RAI TV, 1979)


E non è finita qui...

Edoardo Bennato "One-Man Band" 
Live Sporting Club di Santhià (VC), estate 1978
Front cover by Danilo (from RRCF)
Questo splendido e raro concerto acustico è opera mia (come si può leggere dalle note di copertina) e lo avevo passato alcuni anni fa all'amico Danilo (presente anche lui al concerto) che lo aveva postato su Rock Rare Collection Fetish (sue le copertine). Credo che il link sia inattivo da tempo. E' quindi un piacere (ri)proporlo sulla Stratosfera per questa occasione. Potrebbe benissimo fare il paio con il live ufficiale del 1976, "Io c'ero". Edoardo Bennato si presenta da solo sul palco dell'affollato Sporting Club, "armato" solo della sua classica strumentazione: chitarra, armonica, kazoo e tamburello. Solamente a partire dal terzo brano, Mangiafuoco, qui proposta in una spettacolare versionegli si affianca Lucio Bardi alla slide. In apertura propone niente meno che Parli di preghiere, brano presentato pochissime volte dal vivo. Il concerto prosegue poi con una carrellata delle migliori composizioni del cantautore, da Venderò, a Cantautore per concludersi con la classica  Salviamo il salvabile. La tracklist completa del concerto la trovate qui sotto sulla back cover.

Back cover by Danilo (from RRCF)
Piccola annotazione finale: ho ancora due bootleg di Edoardo Bennato, il primo comprendente l'intero set suonato al Pop Meeting di Torino il 19 maggio 1974 (occhio alla data!), ma la registrazione, anche questa fatta da me, è veramente al limite della decenza. Peccato, perché si sente un Edoardo Bennato graffiante come non mai che propone anche Deportee di Woody Guthrie. Sia io che Danilo eravamo presenti al concerto (giovanissimi sbarbatelli) e, qualche anno fa, avevamo realizzato un bootleg (oltre a Bennato c'erano Franco Battiato, Claudio Rocchi e Il Perigeo). Il set di Battiato era finito tempo fa in una compilation realizzata dal Captain, ma anche in questo caso il link non è più attivo. Se qualcuno è interessato ce lo faccia sapere nei commenti. E' tutto su CD. Il secondo bootleg, sempre del periodo anni '70, racchiude uno special TV andato in onda nel 1982 (vi ricordate Mister Fantasy col mitico Carlo Massarini?), comprendente però registrazioni datate 1978. Anche in questo caso, volendo, si può postare. Ricordo, infine, il CD ufficiale del 2001 "Live @ RTSI", registrato dal vivo per la televisione svizzera nel 1979. E' proprio tutto. 

Buon ascolto, amici!

Link Disc 1
Link Disc 2



Post by George

27 commenti:

  1. Sì! Bellissimo superpost. Adoro il Bennato dei 70. E tra le cose che citi, quello di Mister Fantasy 1978/1982 mi incuriosisce parecchio. Si può? Grazie.

    RispondiElimina
  2. aah, il grande Professor Cono di "Fermate il mondo, voglio scendere"... lui e il Guccio sono i cantautori che ho seguito di più nei concerti;
    e visto il periodo citato... aprile o maggio 78, stadio di Vicenza, sul palco con lui sicuramente Robert Fix, Toni Esposto, Roberto Ciotti;
    quella sera un giovane Odiladilu (a naja) rientrava in caserma oltre l'orario consentito, ma la"stecca" era agli sgoccioli.....

    RispondiElimina
  3. Purtroppo non riesco a scaricare dal link cd 1 i singoli

    RispondiElimina
  4. ..Post sublime, ma anch'io non riesco a scaricare il link del cd 1 singoli. Caro George, riesci a renderlo attivo? Grazie mille!

    RispondiElimina
  5. Adesso tutto ok grazie mille da un fans del grande Bennato

    RispondiElimina
  6. Grazie anche da parte mia, ora il link funziona. Mitici sia Edoardo che George!

    RispondiElimina
  7. Grazie anche da parte mia, ora il link funziona. Mitici sia Edoardo che George!

    RispondiElimina
  8. Sono dell'avviso che il live,registrato daq noi al Palasport di Torino nel 74,debba essere sicuramente messo di nuovo in circolazione....anche se tecnicamente non perfetto,dà un idea dei primi show di Edoardo e il successo di pubblico da brividi.....Grande Post!....
    Danilo

    RispondiElimina
  9. Potresti riattivare il link del cd1 dei singoli? Grazie infinite.

    RispondiElimina
  10. Sono d'accordo con Danilo, Anzi, direi di fare di più, cioè postare tutto ciò che abbiamo salvato dal Pop Meeting, Bennato incluso, ovviamente.
    Per quanto riguarda il link del CD1 dei singoli, non mi è chiaro se è attivo o meno. Se proprio si è bloccato (anche se non so perché), rifarò l'upload. Fatemi sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe grandioso sentire il concerto completo con Perigeo, Battiato & Rocchi, un link su 4shared è attivo ma non scaricabile

      Elimina
  11. Confermo che il primo cd è incappato nella "censura" di Mediafire...

    RispondiElimina
  12. Estic...ok, cerchiamo un'alternativa.

    RispondiElimina
  13. Scusate amici, ho appena provato ora a fare il download da 2 altri pc ed è tutto regolare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. George, purtroppo devo confermare, mediafire dice che il brano "salviamo il salvabile" è disponibile su amazon, per cui non è possibile accedere al file...

      Elimina
  14. In ogni caso ecco il link alternativo al CD1 I singoli
    http://bayfiles.net/file/1f7dC/KP6rSo/BENNATO_-_I_SINGOLI_CD1.rar
    Cliccate premium download

    RispondiElimina
  15. innanzitutto grazie mile! io il problema lo rilevo sul CD 2 i singoli, il messaggio di mediafire dice che il brano "salviamo il salvabile" è disponibile su amazon, per cui non è possibile accedere al file... i

    RispondiElimina
  16. Possiamo sperare nella pubblicazione dello special di Mister Fantasy?
    GRazie - Paco
    PS A me ha fatto scaricare tutto splendidamente

    RispondiElimina
  17. Mister Fantasy? Of course! Next week.

    RispondiElimina
  18. Grazie dello splendido post. Il link de I singoli CD2 non era disponibile al primo tentativo (censura mediafire). Dopo un paio di altri tentativi era invece perfettamente funzionante. Non so perché, ma potete provare più volte, e dai che ti ridai.......
    Grazie ancora, Raffa

    RispondiElimina
  19. Media fire non mi da il permesso per il cd 2 dei singoli, da sempre. Potete fare qualcosa ? Grazie

    RispondiElimina
  20. Grandissimo post...complimenti davvero, adoro Bennato! Spero che prima o poi qualcuno faccia anche un bel post del genere con l'altro grande napoletano dell'epoca...Pino Daniele...qualcuno ha del materiale di Pino anni 80? Grazie

    RispondiElimina
  21. PS domani nei commenti vi darò il link alternativo per scaricare i Singoli CD2. Ciao

    RispondiElimina
  22. I singoli CD2 new link
    http://bayfiles.net/file/1fkVE/jWvLB8/BENNATO_-_I_SINGOLI_CD2.rar
    (cliccate premium download)

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina