sabato 20 settembre 2014

Riccardo Cocciante - 1972 - MU + Bonus Tracks

 
TRACKLIST :

01 - Introduzione
02 - Ora che io sono luce
03 - Coltivo tutte le valli
04 - Uomo
05 - Festa
06 - Era mattino sul mondo
07 - Vita
08 - A Dio
09 - Corpi di creta

BONUS TRACKS :

10 - Down Memory Lane (1971)
11 - Rhythm (1971)
12 - Don't put me down

 Forse non tutti sanno che persino Riccardo Cocciante, anche se limitatamente al primo album, bazzicò la scena prog italiana, prendendo poi altre strade che tutti conosciamo. Forse sarebbe stato meglio se avesse continuato almeno un po' sulla strada del prog perchè, a mio modesto parere, quest'album è davvero riuscito. Anche se dominato dalla voce di Cocciante (solo ogni tanto melensa e poppeggiante come in seguito) e dalle magnifiche tastiere di Carlo Rustichelli, vi sono ottime parti di flauto e di altri strumenti a fiato, oltre ad un uso dei cori che, personalmente, avrei evitato. Ma gli ospiti a fianco di Richard sono davvero molti, alcuni davvero prestigiosi. L'enorme varietà di strumenti utilizzati (vedi lista suonatori in fondo al post) contribuisce a rendere il suono davvero ricco e variegato. Come dicevo prima, in alcuni pezzi emerge già il sound che verrà in seguito, ma per la maggior parte quest'album può essere considerato un ottimo esempio di prog italiano, da ascoltare assolutamente. Peccato che quello che, da queste parti, riteniamo il miglior lavoro del poi famosissimo cantautore, sia il suo lavoro meno conosciuto e meno ristampato (è per questo motivo che mi permetto di pubblicare un grande nome come quello di Cocciante sulla stratosfera: non mi risulta ci siano in commercio ristampe recenti di Mu. Se qualcuno avesse qualcosa da obbiettare, senza sabotarci please, non ha che da comunicarmelo e toglierò il link, grazie).

Per arricchire la già succosa portata, ho aggiunto alcune bonus tracks davvero notevoli, tutte in lingua inglese ed antecedenti all'album MU, che costituiscono probabilmente le prime testimonianza su vinile del buon Richard (poi Riccardo) Cocciante: 3 brani in inglese di davvero buona fattura, di cui i primi due provenienti dalla colonna sonora del film "Roma bene". Il primo di essi è un buon soft rock, mentre il secondo è un rythm'n'blues decisamente più movimentato e con un ottimo assolo di chitarra nel mezzo. La terza bonus track è un'altra godibile ballata rock, dalla provenienza più dubbia ma sicuramente appartenente anch'essa agli albori della carriera dell'artista.

 Da ItalianProg (al link l'articolo completo): il disco di esordio di Riccardo Cocciante, "un concept album intitolato Mu, contenuto in una splendida copertina, è un buon disco di prog sinfonico, realizzato con l'aiuto di molti musicisti ospiti, tra i quali  il leader dei Brainticket, Joel Vandroogenbroeck, ed il tastierista Paolo Rustichelli (del duo Rustichelli e Bordini), e contenente belle parti strumentali. Il disco può essere molto interessante per chi ama il prog tastieristico, anche se la voce di Cocciante è forse troppo legata ai suoi successi pop per molti ascoltatori italiani!"

 Cover del singolo A Dio/Uomo tratto da MU

 Cover della rara edizione promo

Riccardo Cocciante – canto, pianoforte, sintetizzatore (Moog), tastiera (clavicembalo)
Douglas Meakin
– chitarra acustica, cori
Carol Muriel
– santoor, ocarina bassa
Italo Greco
– arrangiamento
Michael Brill
– basso elettrico
Derek Wilson
– batteria
Dave Sumner
– chitarra elettrica, sitar, cori
Joel Vandroogenbroeck
– m'bira, idiofono (flexatone), flauti diritti
Maurizio Giammarco
– flauto (mellotron)
David Agnew
– percussioni (lett. tumbe e aggeggi), cori
Miky Fraser
– pianoforte elettrico (Fender), organo
Paolo Dossena
– produzione, arrangiamento
Paolo Rustichelli
– sintetizzatore, mellotron
Ann Colin, Elisabetta Leocata, Gianna Giovannini, Luisella Chiovacci, Marco Luberti, Paolo Amerigo Cassella
- cori
 

Post by Captain, grazie ai canali Le introvabili e Vincenzovinivi per le bonus track

3 commenti:

  1. purtroppo il link MU non funziona...

    RispondiElimina
  2. Prova qui:

    bit.ly/1vN3TGZ

    RispondiElimina
  3. Anche la terza canzone in lingua inglese fa parte della colonna sonora di Roma Bene la si può trovare nell'album assieme alle altre due canzoni incise anche in 45 giri.

    RispondiElimina