sabato 28 novembre 2015

Serie Doppelganger n. 12 - Herbert Pagani - 1972 / 1973 - Megalopolis (versione francese / versione italiana)


Traggo l'introduzione a questo post Doppleganger (a quattro mani, George per la versione francese ed il Capitano, coadiuvato dall'amico Vlad Tepes, ad occuparsi della versione italiana) dal blog Rossi Orizzonti (qui l'articolo completo), visto che l'autore riesce a fotografare, con sintesi perfetta, l'artista Herbert Pagani, oltre che darci una efficace descrizione del progetto "Megalopolis", le cui tematiche, per certi versi, sono attuali oggi più che ieri:

"(...) Herbert Pagani è stato un poliedrico artista, che ha riversato la sua particolare sensibilità anche nel disegno, nella poesia, nella scultura, nella recitazione (quanto lo sia lo dimostrano anche le immagini di apertura e chiusura di questo post - N.d.C.). Rimanendo nell’ambito musicale, voglio evidenziare come la maggior parte dei testi delle sue canzoni contenga un messaggio basato sulla fratellanza, sull’umanità, sull’amore, inteso anche in senso universale. Si trova, nelle sue composizioni, uno sguardo attento al mondo, attraverso il quale l’autore attribuisce  dignità e  possibilità di riscatto anche alle persone più umili. È stato anche ecologista e pacifista convinto: la sua opera musicale che in maniera più articolata rappresenta questa sua anima è Megalopolis. Megalopolis, nell’immaginario di Pagani, è la capitale di un’Europa unita che, a causa delle azioni devastanti che l’uomo pratica sull’ambiente e a causa dell’annientamento  di ogni relazione sociale fra gli abitanti, soffocata da una sempre più frenetica costruzione di grattacieli, arriva inesorabilmente alla distruzione (e l’Europa, in questo caso, rappresenta l’intero pianeta). Si salveranno solo alcuni attenti osservatori che già da tempo avevano capito a cosa avrebbe portato la sconsideratezza di quelle azioni, e sono così  riusciti a salvaguardare da questa follia un piccolo spazio, in cui far rinascere una umanità diversa, che potrà vivere felicemente in armonia e nel rispetto della natura. Anche il conflitto israeliano-palestinese, per cui auspicava una soluzione pacifica,  fu oggetto del suo impegno civile. Ad Herbert Pagani, a parte la buona qualità musicale di molte sue canzoni, va riconosciuto il merito di aver evidenziato,  attraverso la sua arte, temi forse scomodi, e certamente non  affrontati, all’epoca, dalla maggior parte dei suoi colleghi. (...)"


Herbert Pagani - 1972 - Megalopolis (Versione Francese - 2 LP)
 
 
Megalopolis venne pubblicato, nella sua versione originale in lingua francese, come doppio Lp, ad opera dell'etichetta Pathé Marconi. Un "romanzo a 33 giri", come lo definì Le Monde, proiettato in un futuro fantascientifico, ma scientificamente plausibile. Megapolis è un'opera ispirata dal libro di Roberto Vacca "Medioevo prossimo venturo", nella quale è raccontata una storia ambientata nel 1999 in una città non identificata. "Megalopolis, dagli spiccati tratti "ecologici", è la capitale di un’Europa unita, che a causa delle azioni devastanti che l’uomo pratica sull'ambiente e a causa dell’annientamento di ogni relazione sociale fra gli abitanti, soffocata da una sempre più frenetica costruzione di grattacieli, arriva inesorabilmente alla distruzione. Si salveranno solo alcuni attenti osservatori che già da tempo avevano capito a cosa avrebbe portato la sconsideratezza di quelle azioni, e sono così  riusciti a salvaguardare da questa follia un piccolo spazio, in cui far rinascere una umanità diversa, che potrà vivere felicemente in armonia e nel rispetto della natura". L'opera venne rappresentata al Palais de Chaillot di Parigi. Ricevette anche il Grand Prix International du Disque de l'Academie Charles Cros (per la prima volta a un cantautore italiano). Agli inizi del 1973 l'etichetta Mama pubblicò una versione condensata dell'opera in un solo LP per il mercato italiano, ovviamente con i testi cantati nella nostra lingua.


Disc 1 - Side A
01 Prélude a Megalopolis
02 Discours Pdg des USA d’Europe - Jingles
03 Arche de Noé
04 Sérénade
05 Radio taxi
06 La cuisine, le ménage et l'amour

Disc 1 - Side B
07 Deux sous la douche
08 Soldats
09 Flash drogue
10 Fils père, fille mère
11 Ni Marx, ni Jésus
12 Vole la colombe

Disc 2 - Side C
13 Les tapis roulants
14 Chez nous
15 Le P.A.P.E.
16 Confessions d'un cadre supérieur, etc..

Disc 2 - Side D
17 Megapocalypse
18 Le printemps d'après la fin du monde


French version 2 LP

Link Disc 1
Link Disc 2



Herbert Pagani - 1973 - Megalopolis (Versione Italiana - 1 LP)


TRACKLIST :

01 - Preludio a Megalopolis
Transition
02 - L'arca di Noè
Transition
03 - Serenata
Transition
04 - Zero in cucina, dieci in amore
Transition
05 - Doccia a due
Transition
06 - Ragazzo padre, ragazza madre
Transition
07 - Da noi
Transition
08 - Vola la colomba
Transition
09 - Megapocalisse
10 - La sagra della primavera


LINK Versione Italiana
 
Post by George & Captain, thank you very much to Vlad Tapes for italian version

4 commenti:

  1. Mega....grazie, lo cercavo da tanto!!!!

    RispondiElimina
  2. Ebbi l'onore di portare sul mio taxi più volte sia Herbert Pagani che la sua compagna (forse moglie): due persone di una squisitezza, di una gentilezza, di una cultura che difficilmente riuscii a trovare in altre persone. Questo post, oltre ad essere di una estrema rarita, rende loro il giusto tributo. Frank-One

    RispondiElimina
  3. Le chitarre del disco sono suonate tutte da un certo Ivan Graziani....che, come si può vedere nel sito della Discoteca di Stato http://discografia.dds.it/scheda_titolo.php?idt=8749 è anche autore delle musiche di tre canzoni.

    RispondiElimina
  4. Erano anni che cercavo la versione italiana di questo album! Grazie!

    RispondiElimina