giovedì 23 giugno 2016

Le compilation della Stratosfera vol. 19 - Vari artisti - 1973 - My Favorite Tones (etichetta Picci)

TRACKLIST :

1 - Orchestra di Mario Migliardi - Non toccatemi, vernice fresca !
2 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Lasciami andare
3 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Ti volti indietro
4 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Spettina l'anima mia
5 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - I misteri dell'amore
6 - Orchestra di Claudio Gizzi - Il giardino dei fiori finti
7 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Tu sei lì che mi aspetti
8 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Sono una donna
9 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Io ti ucciderei
10 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Cos'è un bambino
11 - Orchestra di Mario Migliardi - C'è sempre un treno
12 - Orchestra di Giacomo Dell'Orso - Io non vivrò

 Altro giro, nuova corsa, ennesimo regalo del nostro misterioso amico Anonymous Benefactor. Dalla mitica etichetta Picci (per approfondire, leggetevi la scheda del mitico Augusto Croce su Italianprog) che produsse, tra gli altri (per quanto riguarda il rock progressivo italiano) La Seconda Genesi, pubblichiamo questa compilation a cura di tre diverse formazioni orchestrali (le orchestre di Mario Migliardi, Giacomo Dell'Orso e Claudio Gizzi). Si tratta più che altro di musica orchestrale da accompagnamento, o sonorizzazioni che dir si voglia, anche se quà e là, fanno capolino "furbi" inserimenti di Vcs3, peraltro in alcuni casi pregevoli ("Tu sei lì che mi aspetti"), ma in altri casi fuori posto e quasi fastidiosi (finale di "Cos'è un bambino"). Vista l'etichetta che produsse questa collezione, non è da escludersi che vi abbiano lavorato membri della già citata Seconda Genesi. Piccolo parere personale: se proprio devo essere sincero, secondo me la cosa migliore dell'album in questione è la stupenda cover dipinta: una vera e propria opera d'arte! Detto questo, auguro a tutti un buon ascolto...

 24 giugno 2016 - Aggiornamento Post - Il grande Augusto Croce ha arricchito di info questo post, lasciandoci un graditissimo commento. Ed io ve lo riporto qui: "Complimenti per l'ottimo lavoro di riscoperta e grazie per le continue citazioni del mio sito! Concordo con te sul fatto che la copertina sia in un certo senso l'elemento più interessante di questo disco. Queste copertine dipinte sono per me affascinanti, realizzate con una macchina con un piatto girevole sul quale veniva spruzzata a caso vernice di vari colori, producendo effetti sempre diversi. Le copertine vennero realizzate probabilmente tutte in una volta e poi sul retro veniva incollato un foglio con i titoli, ma mi è capitato di trovarne con il lato posteriore completamente bianco e senza titoli, usata per l'LP di Ugo e Vittorio. Aggiungo che Giacomo Dell'Orso, esecutore di quasi tutti i brani di questo disco, è stato un prolifico compositore di musiche da film, anche con lo pseudonimo di Oscar Lindok. La moglie Edda è stata una delle voci più importanti della musica da film italiana, basta pensare a "C’era una volta il West" e tante altre colonne sonore di Ennio Morricone."


Post by A.B. (semper benemeritus est) & Captain

4 commenti:

  1. Complimenti per l'ottimo lavoro di riscoperta e grazie per le continue citazioni del mio sito!
    Concordo con te sul fatto che la copertina sia in un certo senso l'elemento più interessante di questo disco.
    Queste copertine dipinte sono per me affascinanti, realizzate con una macchina con un piatto girevole sul quale veniva spruzzata a caso vernice di vari colori, producendo effetti sempre diversi. Le copertine vennero realizzate probabilmente tutte in una volta e poi sul retro veniva incollato un foglio con i titoli, ma mi è capitato di trovarne con il lato posteriore completamente bianco e senza titoli, usata per l'LP di Ugo e Vittorio.

    Aggiungo che Giacomo Dell'Orso, esecutore di quasi tutti i brani di questo disco, è stato un prolifico compositore di musiche da film, anche con lo pseudonimo di Oscar Lindok. La moglie Edda è stata una delle voci più importanti della musica da film italiana, basta pensare a "C’era una volta il West" e tante altre colonne sonore di Ennio Morricone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per il graditissimo commento, caro Augusto. E' un vero onore leggerti qui sulla stratosfera. Inoltre hai aggiunto delle informazioni importanti circa questa compilation, per cui aggiornerò il post riportando il tuo gentilissimo commento. Grazie ancora, spero di rileggerti, oltre che sul tuo fondamentale sito, anche qui da noi...

      Elimina
    2. P.S - Dimenticavo... il rimando al tuo sito è d'obbligo quando si parla di certe rarità, non fosse altro perchè è l'unico dal quale poter attingere preziose informazioni. Colgo l'occasione per farti i miei complimenti per l'ottimo lavoro per la parte relativa alle etichette del prog italiano, unico nel suo genere.

      Elimina
  2. Grandi brani d'atmosfera, che mi sto godendo appieno. Grazie al Capitano e grazie al munifico Benefattore.

    RispondiElimina