domenica 27 novembre 2016

Reparto "Sconosciume" - Gianni Oddi - 1974 - Style


TRACKLIST:

01. Moda dʼestate
02. Popoff
03. Dedicato a Twiggy
04. Notte a Bagdad
05. Fine di un amore
06. Torte in faccia
07. Chanel n.7
08. Una giornata a Rio
09. Kimono Pop
10. Sfilata allʼHilton
11. Omertà


E' un po' un mio sfizio quello di andare a recuperare questi dischi di library music, la maggior parte dei quali registrati negli anni '70, che rappresentano un universo parallelo rispetto alla discografia ufficiale. Solitamente si tratta di dischi fuori catalogo, di non facile reperibilità perché pubblicati in tiratura limitata, contenenti sonorizzazioni per documentari, sceneggiati radiofonici e televisivi, ecc, Non sono proprio assimilabili alle colonne sonore vere e proprie, ma hanno dei punti in comune. Mi piacciono perché sono un po' "borderline", ma non per questo sono meno affascinanti e interessanti della produzione discografica di più ampia diffusione. Questa volta ho recuperato in fondo ad uno dei tanti archivi questo lavoro di Gianni Oddi, datato 1974, intitolato "Style". E vista l'ampia diffusione che questo disco ha ancora oggi sul mercato non ho potuto esimermi dall'infilarlo di diritto nel mitico "reparto sconosciume" (una creatura voluta dal sodale Captain molti anni fa).  Se sconosciuto è il disco, non lo è sicuramente il suo autore, dal momento che Gianno Oddi è un sassofonista jazz che, nel corso della sua carriera musicale, ha annoverato collaborazioni eccellenti, suonando agli inizi degli anni '70 con i principali artisti italiani raccolti sotto l'etichetta RCA italiana, da Domenico Modugno a Claudio Baglioni, da Lucio Dalla a Mia Martini.


Nel 1972 viene chiamato da Enrico Simonetti nella sua Big Band.  Dopo la pubblicazione di un album strumentale (nel 1973), con arrangiamenti di brani celebri di altri autori, nel 1974 incide questo "Style", disco molto gradevole, composto da 11 tracce per sonorizzazioni. Se poi questi brani vennero utilizzati per programmi radiofonici o televisivi non mi è dato da sapere. Quel che so è che curò anche alcune colonne sonore è che terminate queste esperienze discografiche entrò a far parte dell'Orchestra di Musica Leggera della RAI di Roma, continuando - in parallelo - a suonare con gruppi jazz. E' tutto. Buon ascolto.


Link

Post by George

7 commenti:

  1. Adoro la library, soprattutto quella italiana; insieme a quelli da voi già postati di Sylvano Santorio e Paolo Ferrara questo disco dev'essere mooolto interessante. Grazie di tutto, continuate così.

    RispondiElimina
  2. Un bel contributo a tanta buona musica italiana che non ha mai conosciuto, e non conoscerà, il grande pubblico. Grazie. Mimmo

    RispondiElimina
  3. Grazie super-George, queste melodie sognanti mi han proprio deliziato!

    RispondiElimina
  4. Ma chi lo avrebbe mai detto? Pensavo di avere fatto un "postino" di passaggio...

    RispondiElimina
  5. Assai incuriosito sono andato ad ascoltare qualche brano di Paolo Ferrara su youtube: grandioso! Attendo quindi il repost di Paolo Ferrara - 1978 (forse..) - Profondità dato che il link non é più attivo. Grazie mille in anticipo e avanti così!

    RispondiElimina