sabato 14 gennaio 2017

Serie "Historic prog bands live in Italy" - Capitolo 14 - Emerson, Lake & Palmer - 1972 - First italian tour

In memory of Greg Lake (1947-2016) 
Keith Emerson (1944-2016)


Annus horribilis per la musica questo 2016 da poco concluso: lo ricorderemo come l'anno che ha falcidiato un numero incredibile di rock e pop star. Giornali e notiziari hanno purtroppo ripercorso, negli ultimi giorni di dicembre, il triste elenco. Si fa fatica a rendere omaggio ad ognuno di loro. Tra i grandi eroi del progressive che ci hanno lasciato da poche settimane brilla il leggendario Greg Lake, nato Gregory Stuart Lake, classe 1947, scomparso a Londra il 7 dicembre scorso. Dai King Crimson agli EL&P Greg Lake ha accompagnato l'adolescenza e la maturità di molti di noi. Keith Emerson lo abbiamo già ricordato sulle pagine della Stratosfera con un memorabile concerto, mentre - lo ammetto - siamo in ritardo nel ricordare Greg Lake, complici le festività natalizie e altri post che erano in lista di attesa. Ma non è mai troppo tardi anche se, come spesso accade, è la scomparsa dei grandi musicisti che ti fa ritornare la voglia di andare a riscoprire vecchi album o concerti che, forse, non avresti mai più ascoltato.. Tributiamo quindi Emerson, Lake & Palmer con questo post che racchiude i primi due concerti italiani tenuti dalla band nel 1972, rispettivamente a Genova e a Bologna.

Act 1 - Emerson, Lake & Palmer live in Genova, 
Palazzo dello Sport, 15 giugno 1972


TRACKLIST CD 1:

01. Tarkus (cuts in)
02. The Endless Enigma
03. Take A Pebble
04. Lucky Man
05. Piano Improvisations / Take A Pebble

TRACKLIST CD 2:

01. Pictures At An Exhibition
02. Rondo / America



Nel 1972, a distanza di tre anni dal loro debutto (avvenuto il 23 agosto 1970 alla Guildhall di Plymouth), in quella florida stagione concertistica che in Italia durò fino al 1975, anche Emerson. Lake & Palmer calcarono il nostro patrio suolo seppur per due sole date, il 15 giugno a Genova, al Palazzetto dello Sport, e il 25 giugno a Bologna, allo Stadio Dall'Ara. Tra le due date ci fu una breve fuga nella vicina Svizzera, il 24 giugno, dove suonarono a Wetzikon. La scaletta comprendeva Tarkus dall'omonimo album, Take A Pebble (farcita da una lunga improvvisazione pianistica) e Lucky Man, entrambe dal disco di debutto, Pictures At An Exhibition e due tracce da "Trilogy" (che sarebbe stato pubblicato il successivo mese di luglio), Hoedown e The Endless Enigma. Il trio chiudeva i concerti con Rondo, attinta direttamente dal repertorio dei Nice, spesso intercalata alla classicissima America.


Questo primo concerto è mancante di Hoedown, brano con cui Emerson, Lake & Palmer aprivano abitualmente il loro set, mentre Tarkus è tagliata al nono minuto. La registrazione è piuttosto scadente, però...si tratta di un historic concert e vi assicuro che non esiste null'altro sulla piazza. Spettacolare il finale con una lunga dissertazione sulle note di Rondo, compreso l'immancabile assolo di batteria da parte di Carl Palmer.
 
  


Act 2 - Emerson, Lake & Palmer live in Bologna,
Stadio Dall'Ara, 25 giugno 1972


TRACKLIST CD 1:

01. Hoedown
02. Trakus
03. The Endless Enigma
04. Take A Pebble
05. Lucky Man

TRACKLIST CD 2:

01. Piano Improvisation / Take A Pebble
02. Pictures At An Exhibition


Seconda tappa italiana per E.L. & P.  Da Genova scesero a Bologna per riproporre, nello Stadio Dall'Ara, la loro performance. La scaletta non cambia. Qui la registrazione è decisamente migliore anche se, purtroppo, manca il brano finale, Rondo. C'è invece Hoedown. Diciamo che i due concerti, entrambi parzialmente monchi, si possono integrare a vicenda. L'improvvisazione pianistica di Keith Emerson, ora che la qualità della registrazione è più che dignitoso, è semplicemente spettacolare ed esalta la sua straordinaria  tecnica ed inventiva.

La foto sottostante è stata scattata nel backstage dello stadio di Bologna. Si vedono, da sinistra, Carl Palmer, Dee Anthony (manager di ELP), Francesco Sanavio (promoter italiano), Greg Lake e Keith Emerson. 


A chiusura del post, giusto per non farci mancare niente, pubblichiamo tutte e quattro le copertine che realizzò illo tempore il mio vecchio amico Danilo per il suo blog "Rock Rare Collection Fetish".





Il trio ritornerà altre volte in Italia, ad iniziare dal 1973 e, a reunion avvenuta, una ventina di anni dopo, nel 1992. Magari fra un po' vi faremo ascoltare anche queste splendide pagine. Non voglio concludere con la nota di tristezza che, inevitabilmente, mi pervade. Musica immortale, musicisti immortali. Ed è il caso di Greg Lake e Keith Emerson. Buon ascolto.  




Link ELP live in Genova
Link ELP live in Bologna

Post by George

13 commenti:

  1. Buon anno a tutti e ringrazio George per aver esaudito alla mia richiesta qualche post fa. Una considerazione sugli EL&P: ho l'impressione che sia stata la band che più di tutte ha scontato la decadenza del progressive eppure nel gli anni '70 era la prog band per eccellenza. Vostre impressioni?

    RispondiElimina
  2. WWOOOOOOWWWWWW!!!
    Sto scaricando giusto ora il concerto di Genova, ma voglio rispondere anche prima di ascoltarlo, e nonmenefreganiente se la qualità è scarsa...
    Questo è stato il primo "grande" concerto che ho visto (come gruppo di spalla c'erano i Chicken Shack) e ormai non credevo più di riuscire a trovare una testimonianza sonora!
    Il primo "concerto" che avevo visto risaliva a pochi mesi prima (marzo)... era stata la Premiata Forneria Marconi con gli Acqua Fragile come spalla a Livorno...
    E ricordo anche con nostalgia la prima esperienza con i "complessi" (allora si chiamavano così)... i Nomadi al Tennis Club di Tirrenia nell'agosto 1967...
    GRAZIE INFINITE!!!!!!!
    Luca (balu5)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il gruppo di supporto fosse la J.Geils Band e non i Chicken Shack. Confermi? Grazie.
      Carlo

      Elimina
  3. A Bologna c'ero anch'io, e lo ricordo bene, quello stesso mese vidi anche i Jethro Tull, sempre allo stadio... che bei ricordi

    RispondiElimina
  4. Jethro Tull Bologna 1972 & 1973 prossimamente su questi schermi, caro Grog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Caro George, potresti postare anche il concerto EUGENIO FINARDI & CRISALIDE, Stadio Pistoni Ivrea Italy 20 Agosto 1979, che ho visto sul sito di Danilo, al quale ho scritto e mi ha risposto di chiedere a voi della Stratosfera se potete inserirlo qui. Grazie infinite anticipatamente!

      Elimina
    3. AAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

      Elimina
  5. Grazie George di questi 2 concerti che mi sto gustando e vai con i Jethro!

    RispondiElimina
  6. Ho ascoltato vari, non molti, concerti al Palazzetto dello sport, l'acustica era talmente pessima che ti auguravi di morire per far finire lo strazio; chiaro, lo dice il nome stesso "Palazzetto dello sport" e non Auditorium, non era nato per i concerti. Credo che il concerto degli Area, ascoltato lì nel '79, sia stato uno dei traumi più devastanti al mio apparato uditivo.
    Però gli ELP sono gli ELP, la musica è nostra e bella e, si intuisce, suonata come va... Va bene così: grazie.
    Giancarlo

    RispondiElimina
  7. Grazie per il bellissimo post. EL&P hanno scontato più di tutti un certo modo ideologizzato di vedere la musica. Di loro si parlava citanto quanta strumentazione c'era sul palco, quanti TIR, quanti tecnici, ecc, al massimo si parlava della tecnica strumentale e non si considerava la creatività, l'inventiva, la passione. Poi le cose sono un po' cambiate ma sono convinto che la fine del prog è stata decretata ai "piani alti" più che da parte del pubblico.
    Carlo

    RispondiElimina
  8. Rispondo ad Albe in merito al concerto di Eugenio Finardi del 1979 a Ivrea (che peraltro registrai io col mio cazzillo Philips a cassette). Sai che ero convinto di averlo già postato in passato? Oramai si fa fatica a ricordare il materiale già pubblicato. Visto che sei un fedele seguace della Strato ti prometto che il prossimo bootleg sarà proprio quello. Ciao

    RispondiElimina