giovedì 14 giugno 2018

Libra - 1976 - Winter Day's Nightmare (vinyl)


TRACKLIST:

01. Nothing Comes, Nothing Goes (Pt. I & II) - 3:39
02. This Chain - 3:09
03. Full Winter Day's Nightmare - 5:27
04. Lucy Squirrel - 7:09
05. Hey Carlito - 5:08
06. It's Not Tasteful To Fly - 4:39
07. My First Rainbow - 6:02
08. This Chain (Reprise) - 0:27


FORMAZIONE

Federico D'Andrea - voce, chitarra acustica
Nicola Di Staso - chitarra elettrica
Alessandro Centofanti - tastiere
Dino Cappa - basso, voce
Walter Martino - batteria


Strana storia quella dei romani Libra, nati - ci piace ricordarlo - dallo scioglimento dei Logan Dwight, autori di un unico bellissimo album pubblicato dalla PDU nel 1972. nella prima formazione i Libra annoveravano il batterista David Walter, poi sostituito dall'ex Goblin Walter Martino. Non sto a dilungarmi troppo sulla biografia del gruppo anche perché è già stata ottimamente tracciata dal nostro Captain nel 2012, in occasione del "Doppelganger n.10" che includeva il primo disco del 1975 nelle due versioni italiana e inglese. 

Proprio la versione inglese di "Musica e parole" (negli US intitolata semplicemente "Libra") segnò l'ingresso del gruppo nella scuderia della leggendaria etichetta americana Motown Records. Questo consentì alla band di partire nell'ottobre 1975 da Los Angeles per un tour americano con artisti del calibro di Frank Zappa, Tubes, Chicago, Savoy Brown, Argent e Steppenwolf. Nel 1976 i Libra pubblicarono un secondo album intitolato "Winter Day's Nightmare", oggetto del nostro post, con sonorità decisamente più funky rispetto al disco precedente, sempre cantato in inglese.


Il disco venne pubblicato, oltre che negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, ma non in Italia. Vi ricordo che non è mai stato ristampato né in CD né in vinile nel corso degli anni. Il sound è molto bello, caratterizzato da una miscela decisamente personale di prog mediterraneo con influenze funky, momenti acustici (come nella track iniziale) e grandi assoli di chitarra e di tastiere. 

Purtroppo il disco non ebbe il successo sperato e i Libra ritornarono in Italia con le pive nel sacco. Dopo un ennesimo cambio di formazione (entrò Maurizio Guarini, altro ex Goblin, al posto di Nicola Di Staso) e la pubblicazione della colonna sonora  del film "Shock" di Mario Bava nel 1977, il gruppo si sciolse.

Vi lascio con il consueto buon ascolto.



Post by George

1 commento:

  1. Atmosfere talora sognanti, talvolta pimpanti, in sintesi un capolavoro: grazie George.

    RispondiElimina