mercoledì 5 dicembre 2018

Le Antologie della Stratosfera vol. 40 - Giorgio Zito, il terzo Bennato - 1975/1983 - All works


1 - Giorgio Zito & Diesel - 1981 - Un posto all'inferno


TRACKLIST :

01 Regina della notte
02 Ma vai, vai!
03 E' giusto o no
04 Quando mai
05 L'universo ci guarda
06 Dagli uno schiaffo
07 Roxanne
08 Maggie
09 Vieni con noi
10 Giulia
11 Non lo so


Prima di tutto devo assolutamente ringraziare l’amico Vic White che, con la sua trasmissione a Radio Popolare “Un posto all’ombra”, dedicata ai fratelli musicisti meno noti di ben altri più famosi, mi ha ispirato la creazione di questo post dedicato al terzo dei fratelli Bennato, che seguendo le impronte dei ben più noti Edoardo ed Eugenio ha avuto una sua parte attiva, seppur discontinua, nel panorama musicale italiano. Giorgio Bennato, classe 1949, più giovane dei tre fratelli Bennato, dopo una breve parentesi nella quale suona in trio assieme agli altri due, decide di intraprendere anche lui la carriera musicale su pressione della madre, dalla quale mutua il cognome, Zito, proprio per non creare un ulteriore motivo di confusione con i due fratelli già famosi. Esordisce con due 45 giri a nome B. Band, dove compare come autore col nome G. Bennato, e dove si pensa che B. potrebbe stare per Bennato: G.S. Rock / Coming in my mind, due brani di rock’n’roll nel 1975, e It was nice / Che te ne fai?, due ballate nel 1977.

Nel 1980 partecipa al Festival di Sanremo col brano Ma vai, vai! che verrà inserito nell’album del 1981 "Un posto all’inferno", album uscito a nome Giorgio Zito & Diesel con una bellissima copertina che riprende molti caratteri dell’ Inferno di Hieronymus Bosch, come il falco sull’elevato scranno, opera alla quale si ispirarono persino i Deep Purple per un loro lavoro. L’album si caratterizza per una poliedricità di generi musicali : dall’easy pop di Regina della notte al blues di E’ giusto o no?, dal rock’n’roll di Quando mai allo strumentale di Roxanne (mi raccomando, nulla a che vedere col coevo dei Police), il tutto con testi canzonatori e irriverenti (Ma vai, vai!Dagli uno schiaffo). Singolare l’ultimo brano Non lo so, registrato dal vivo allo Stadio San Paolo di Napoli il 28 Maggio 1978.


2 - Giorgio Zito & Diesel - 1982 - Avanti un altro


TRACKLIST :

01 Avanti un altro
02 Com'è possibile
03 Levati davanti
04 Uomo solo
05 Ultima stella
06 Vieni qua
07 Jekyll
08 Minosse
09 E' inutile
10 Un'idea della mente


Nel 1982, sempre per la stessa casa discografica del lavoro precedente, la Lupus, e sempre a nome Giorgio Zito & Diesel il nostro pubblica l’album Avanti un altro, che si caratterizza per brani molto più curati musicalmente seppur con testi meno graffianti di Un posto all’inferno. Così troviamo un bel tiro di rock in Avanti un altro, una ballata che a me ricorda gli Stormy Six di Fratello in Com’è possibile, un intro ed un outro ai confini del metal in Vieni qua, addirittura echi Hendrixiani di Vodoo Chile in Minosse, fino ad un brano molto “Edoardiano” in E’ inutile.

Questo genere da me definito “Edoardiano” lo ritroviamo nei due brani del 45 giri uscito l’anno successivo a nome Giorgio Zito : Chi la fa l’aspetti / Non so se tu ci stai pubblicato nel 1983. Dopo questo 45 giri Giorgio Zito rimane nel mondo musicale come tecnico del suono e come autore di brani per artisti diversi, come Pietra Montecorvino, Luca Napolitano e altri. Con gli altri due fratelli fonda la casa discografica Cheyenne che puntava molto a valorizzare artisti del Sud ed in particolare modo di Napoli, e così esce una raccolta SUD dove partecipano tutti musicisti partenopei : Edoardo ed Eugenio Bennato, Napoli Centrale, Tony Cercola, Alan Sorrenti, Tullio De Piscopo e N.C.C.P. questi ultimi con due brani registrati dal vivo in teatro, ed altri, tra i quali lo stesso Giorgio Zito con un brano inedito ma non certo indimenticabile: Ho bisogno di soldi.


3 - Giorgio Zito - 1975/1983 - Singoli e rarità


TRACKLIST :

1 - G.S. Rock
2 - Coming in my mind


3 - It was nice
4 - Che te ne fai


5 - Chi la fa l'aspetti
6 - Non so se tu ci stai


7 - Ho bisogno di soldi

Qua termina la prima parte della produzione di Giorgio Zito / Bennato, produzione che a
quanto mi risulta non sia mai stata ristampata né in CD né tantomeno in vinile. Nel 2007 esce un CD a nome Demonilla / Giorgio Zito dal titolo Evoluzione, che tra l’altro contiene 4 brani riarrangiati da Avanti un altro, forse i 4 migliori, una simpatica cover di Tell me dei Rolling Stones dal titolo Quel che ti ho dato, ma nient’altro di particolare. Un altro lavoro è stato pubblicato recentemente sempre a nome Demonilla / Giorgio Zito, ma la cosa a parer mio più interessante vede la luce nel 2017 : un brano composto da Gino Magurno che riesce a raccogliere i tre fratelli al gran completo nell’esecuzione dello stesso dal titolo Domani. Essendo il brano in vendita su Itunes preferisco non inserirlo, ma vi consiglio di andarlo a vedere sul tubo... pelle d’oca anche per le immagini di repertorio di tutti e tre i Brothers!!!!


E’ tutto, buon ascolto e buona salute a tutti. Frank-One

Link "Un posto all'inferno"
Link "Avanti un altro"
Link 45 giri e rarità

Post by Captain, music, notes and photos by Frank-One

5 commenti:

  1. Non ho parole per questo magnifico post. Solo l'amico Frank-One poteva giungere a tanto. Ottima occasione per riscoprire Giorgio Zito, il piccolo Bennato che ho imparato ad apprezzare nel corso degli anni. Ora ha finalmente "un posto al sole" anche lui. Grazie Francone. Alla prossima.

    RispondiElimina
  2. Mi associo anche io, ottima strenna natalizia caro Frank-One

    RispondiElimina
  3. La cosa buffa è che nel rileggere il testo del post mi sono accorto che laddove ringraziavo l'amico Vic per lo spunto , non ho evidenziato il fatto che nelle due puntate di "Un posto all'ombra" dedicate a Giorgio Zito ci fosse il sottoscritto come ospite, ma direi che a parte una punta di narcisismo la cosa non presenti particolare rilevanza. Grazie a George e al Capitano per le belle parole, e auspico che i regali di Natale non terminino qui. Frank - One

    RispondiElimina
  4. Grazie infinite, super-Frank-One, per avermi fatto apprezzare e scoprire questo ottimo artista.

    RispondiElimina
  5. Grazie a chi di dovere, e ricordo ai piu' che, nel tempo, quando parlavi del terzo fratello Bennato tutti ti rispondevano (a torto, qui la riprova..) con un enorme CHI ??? Indomito

    RispondiElimina