sabato 15 ottobre 2011

Serie "Lo scrigno del Dottor Phibes" n. 3 - Telaio Magnetico - 1975 - Live

"TRACKLIST" :

01 - Reggio CalabriaParte I
02 - Reggio CalabriaParte II

03 - Reggio CalabriaParteIII

04 - Gela Parte IV

05 - Gela Parte V

Cari frequentatori della Stratosfera, sono sicuro che vi stavate preoccupando... Era un bel po' di tempo che l'amabile dottor Phibes non passava da queste parti per tormentare le vostre notti con i suoi suoni improponibili e psicoanestetizzanti, perchè vi ricordo che questo è ciò che il vostro buon dottore sa fare meglio. Parlando di quest'album, il santone del rock progressivo italiano Augusto Croce, sul suo sito italianprog, dice che, musicalmente, trattasi di "avanguardia di stampo free"...avanguardia di stampo free = pipponi intergalattici = dilatazione sensoriale = mente spappolata = cibo per il buon dottore. Ed ecco spiegato, con mirabile equazione, perchè il vostro adorato appropinquatore di mondi sonori malati ed alla deriva doctor Phibes vi presenta quest'album. E per unire alla teoria un po' di sana sperimentazione pratica, ho deciso di svolgere in diretta un'osservazione su una cavia umanoide degli effetti dei suoni quì proposti... Per quanto riguarda la cavia, l'amato blogger Roby, noto a voi viaggiatori della stratosfera, ha deciso volontariamente di sottoporsi all'esperimento (una lama arruginita di opinel n° 34 puntato alla gola, usato tra l'altro per tagliare chilate d'illegalità, ha aiutato la volontarietà). Per rendere l'esperienza più vivida e gradita ed aumentarne il livello scientifico, sempre volontariamente, il già nominato blogger è stato potenziato grazie ad una nuova mistura psichefolleggiante, chiamata Alito di drago (Phibes trademark) a base di datura stramonium, muscarina, baanistertia capii, mescalina, l'immancabile psilocibina, olio d'hashish, purea di noce moscata e saccarosio, in dosi segrete e casuali... ogni volta non so bene cosa c'ho messo dentro e quanto ce ne ho messo, ma una cosa è certa: ogni cosa ce l'ho messa e mò sò cazzi del Roby. Registrerò le reazioni e le sensazioni del malcapitato blogger durante l'ascolto di quest'album e le annoterò precisamente... La pupilla vitrea ed appannata del blogger cavia, la sua lingua che comincia a penzolare ed il fatto che sta dicendo "ma cosa ci faccio io liquefatto in questo brodo primordiale, faccio a botte coi neutrini e mi pappo sti mitocondri", mi dice che è cucinato a dovere e possiamo dare il via ufficiale all'esperimento. Due cuffie legate alle orecchie dell'ignara cavia ed il volume dell'impianto a palla ci garantiranno una buona riuscita dell'esperimento.

FASE 1 : Inizia l'ascolto, apparentemente Roby sembra beato d'ascoltare quei soavi synth e le voci di Camisasca e della Di Benedetto. Se non fosse per una bizzarra e distorta risata sguaiata che gli esce dalla gola, in modo ininterrotto dal minuto 1:10" della prima canzone. Interrompe le risa solo al minuto 5:32" della già citata song, per emettere queste parole: "In cima al monte son salito, per immolare la bestia putrescente. Ascolta, mi dice la musica, all'indietro sarà il mio procedere, ascolta, me lo ulula l'orrenda donna-uomo con voce unisuona" Il senso è sconosciuto, forse la prosecuzione dell'esperimento potrà far luce sul significato di queste parole

FASE 2 : Inizia un pianto che pare inconsolabile, dura per tutta la seconda canzone, muco e lacrime si accumulano addosso al malcapitato blogger, che per tutta risposta succhia il pollice e si gratta i marroni. L'aria è beota, il volto deformato (se già era brutto dovreste vederlo ora tutto moccolante). E a me scusate, sarà che pregusto già il finale, mi viene da ridere. Siamo al minuto 9:15 della terza canzone, voci psichedeliche dall'aldilà che si rincorrono, e finalmente il blogger sembra consolarsi ed emette altre frasi, che quì riporterò fedelmente: "oggi a scuola la maestla mi ha messo in castigo, cattiva maestla, blutta maestla, io non voglio più andale a scuola!!!" A quanto sembra, iniziano a presentarsi fenomeni regressivi...

FASE 3 : Il blogger, al minuto 6:34" del 4° pezzo, è sceso dalla sedia e ha cominciato a gattonare per l'ambiente (per quanto la cuffia legata saldamente alla testa poteva permettergli... Devo procurarmi il wireless!!). Cerco di riportare fedelmente le varie sonorità emesse: "Voio pappa, awà, cacca culo chifo, mammammammamma, tètè pappappappa, uuueeeeeeh uuuueeeeeeh, ecc. ecc." Inaspettatamente, si registra una regressione completa in meno di mezz'ora allo stato infantile. Il controllo sfinterico, a giudicare dall'olezzo tremebondico che proviene dal soggetto, non è più presente. L'età mentale del soggetto è ormai inferiore ai 2 anni, e dato che mancano circa 8 minuti di album, mi chiedo dove potrà arrivare...

FASE 4: siamo al 4° minuto dell'ultimo pezzo, la fine dell'album si avvicina, il blogger è oramai incapace di qualsiasi vocalizzo che somigli ad una pur elementare forma di linguaggio, anche il movimento, sin'ora presente, si è ridotto. Il soggetto è rimasto riverso in posizione fetale. Si nota enuresi, presenza di sostanza fecale, sfoghi cutanei purulenti, perdita incontrollata di muco e saliva, sguardo assente e vistosa fuoriuscita di sostanza gelatinosa grigia da entrambe le cavità auricolari.

FASE 5 : Esperimento finito, teorema dimostrato, ed al Doc non resta che tirar fuori la cannuccia, collocarla presso le cavità auricolari del buon, anche se apparentemente piuttosto vegetale, blogger e succhiare quella gustosa ed invitante massa grigia che vi cola... Ascoltate pure anche voi questo fantastico esperimento sonoro e, alla conclusione dell'ascolto, chiamate pure l'amabile doctor Phibes che, armato di cannuccia, asporterà l'ormai inutile materia grigia che vi colerà fastidiosamente dalle orecchie... Yayayayak

Il TELAIO MAGNETICO :

Juri Camisasca - Voce

Terra Di Benedetto - Voce
Franco Battiato - Tastiere

Mino Di Martino - Organo
Roberto
Mazza - Oboe, sax
Lino "Capra" Vaccina - Percussioni, vibes

Buon ascolto... Ah ah ah ah ah aaaah

NEW LINK

(27-2-2015)

Post by Doctor Phibes

8 commenti:

  1. Ti ringrazio per le meraviglie che posti quasi quotidianamente. Stai creando un vasto popolo di collezionsiti-feticisti (io sicuramnete lo sono).
    Piccoola richiesta: qualcuno sa dove trovare sul web l'album di Franchi, Giorgetti, Talamo?
    George56

    RispondiElimina
  2. Grazie George, sei molto gentile. Non sono sicuro, ma mi sembra di avere in qualche hard disk esterno l'album di Franchi, Giorgetti, Talamo. Mi riprometto di controllare al più presto e, in caso di ritrovamento, sarà sicuramente oggetto di un futuro post...

    RispondiElimina
  3. Negativo, caro George o Pippo, se ho capito bene, per ora non ho trovato Franchi, Giorgetti e Talamo, temo di essermi sbagliato. Lo inserirò al più presto nella wishlist della Stratosfera, chissà che qualche viandante non ci doni un bell'upload. Nel frattempo, posterò alcuni brani che possiedo da quell'album ed il lato di un 45 giri in una delle prossime collection a 45 giri.
    Stammi bene

    Robi

    RispondiElimina
  4. Peccato: Vediamo se qualche anima buona lo possiede. Intanto, navigando qua e là, ho trovato un link dove scaricare "Fata Morgana", versione US di "Non è poi così lontano" del Perigeo (anno 1977).
    http://rapidshare.com/files/382272603/P_-__1977__FM.rar.html
    Ciao.
    George56

    RispondiElimina
  5. Grazie mille George, inizialmente pensavo che la serie doppelganger sarebbe durata 5 o 6 al massimo posts, in realtà si sta allungando di volta in volta grazie anche al contributo di visitatori, tu per primo (col tuo alter ego o meglio nick Pippo1955). Tra l'altro anche di questa versione USA del Perigeo non ne sapevo nulla.
    Grazie ancora a te

    RispondiElimina
  6. Caro Roby, è un piacere condividere con i navigatori stratosferici le meraviglie che nasconde il web. Tra l'altro su Rock Rare Collection Fetish, in elenco tra i tuoi blog, è stato appena pubblicato un rarissimo concerto della PFM a Bologna nel 1971.
    Guarda la scaletta...e mi dirai. Fanno pure Gypsy degli Uriah Heep. A presto.
    George56

    RispondiElimina
  7. PFM a Bologna visto e prelevato, non avendolo ancora ascoltato speravo davvero fosse Gipsy degli Uriah Heep, dato che sono anche un contributor del Blog Abominogjnr, dedicato proprio agli Uriah e Relatives, anche lui presente sul blogroll della Stratosfera. Su quel blog c'è un post aperto, dedicato ad una collezione di tutte le covers internazionali di quella grandissima Band... Questa nuova versione di Gipsy ne entrerà sicuramente a far parte.

    Grazie ancora e a presto

    RispondiElimina
  8. ciao...non riuscendo a scaricare potreste aggiornare i link ? ..grazie e scusate il disturbo...

    RispondiElimina