mercoledì 25 gennaio 2012

Aktuala - 1973 - Aktuala


AKTUALA :

- Walter Maioli / arabic oboe, bamboo flute, bass flute, piccolo, metalflute in C, harmonica, reeds, whistles, djembe, percussion
- Daniele Cavallanti / soprano sax, tenor sax, clarin
- Antonio Cerantola / 6 stings acoustic guitar, 12 stings acoustic guitar, balalaika, zither, dulcimer, viola, violin
- Lino "Capra" Vaccina / maroccan bongos, koborò, african drums, tabla, gong, xilophone, whistles, cymbals, musical bow, marimba, percussion
- Laura Maioli / tambura, percussion, whistles


Cari amici della Stratosfera,oggi mi piacerebbe parlarvi un pó degli Aktuala.Gruppo milanese,fin dagli inizi ha scelto di portare avanti un certo tipo di progetto,senza cercare un facile successo.Infatti a differenza di tante altre band dell'epoca si teneva al di fuori del circuito ufficiale,preferendo esibirsi quando e dove volevano,sia una piazza o un parco cercando e coinvolgendo il pubblico nelle loro esibizioni .La loro principale prerogativa era quella di suonare una moltitudine di strumenti provenienti da ogni parte del mondo,guadagnandosi cosi la fama di pionieri della world music.Sono spesso stati accostati a gruppi come la Third Ear Band per il loro uso di strumenti esotici e ricerca sonora.Io personalmente trovo che questa musica sia figlia del suo tempo,infatti ogni volta che l'ascolto non posso fare a meno di pensare a quegli anni ,quando tutto quello di cui avevo bisogno era un sacco a pelo ..... riascoltarla oggi,fuori contesto a volte puó essere un pó pesante , non essendo maturata molto bene nel corso del tempo,ma nonostante tutto come documento storico non puo mancare in nessuna collezione di musica anni 70 che si rispetti.Per una recensione certamente migliore del mio balbettio date un'occhiata QUI ,a casa del mitico JJ.


TRACKLIST :

1. When The Light Began
2. Mammoth R.C.
3. Altamira
4. Sarah' Ngwega
5. Alef's Dance
6. Dejanira




PS:Come promesso al giovane Filippo,ecco un gruppo proveniente dal Nord :)

3 commenti:

  1. George 56=Scusa non avevo notato il tuo commento riguardo ai Paradiso a Basso Prezzo.Dunque li ho da qualche parte,li ho ascoltati solo un paio di volte e tutto quello che mi ricordo era che la qualita sonora non era delle migliori.Posso cosi tranquillamente dire di non saperne niente :).Sicuramente li posteró e se hai qualche informazione ,vista la tua conoscenza del gruppo ,la accetteró volentieri,cosi la potro usare nel post.Fammi sapere,ciao.

    RispondiElimina
  2. Bel post, Franco. Questo, a dire la verità, è un gruppo che ho sempre trovato molto coraggioso nella proposta muscicale ma duro da digerire, tanto che non rientra quasi mai nei miei ascolti. Penso sia un mio limite, ma così è... Hai ragione dicendo che erano una band del Nord, ma il loro suono contiene così tante contaminazioni daessere davvero definibile "Musica del mondo"

    RispondiElimina
  3. Un de mes groupes préférés, plein d'inventivité et de fraîcheur. Quel plaisir de le retrouver sur cet excellent blog. Grazie !

    RispondiElimina