domenica 5 febbraio 2012

Paradiso A Basso Prezzo - 1992 (1973) - Paradiso A Basso Prezzo

Devo confessare di non sapere niente di questo gruppo, dunque sarebbe bello se l'amico George56 (che ha fatto la richiesta e che é conterraneo dei PaBP) ci fornisse qualche aneddoto o scoop da condividere con la Stratosfera (chiaramente senza obbligo ). Io nel frattenpo attingo qualche nota biografica dalla Bibbia di noi proggers italiani, Italian Prog of course "Uno dei pochi gruppi rock della Val d'Aosta, il Paradiso a Basso Prezzo non riuscì ad incidere niente durante la propria carriera, e la loro unica uscita discografica è una registrazione postuma in CD pubblicata dalla Mellow e comprendente la registrazione di un concerto a Saint Vincent del 1973. Il CD ha una qualità di registrazione mediocre e dimostra un buon livello tecnico dei cinque musicisti. Ci sono i soliti ingredienti, le tastiere come strumento principale, buone parti di flauto e chitarra, alcune influenze jazz qui e là, ma la mancanza di una produzione professionale è evidente nelle introduzioni troppo allungate, con parti parlate su basi musicali lente e arrangiamenti frammentari.I brani contenuti nel CD provenivano dal progetto di un LP intitolato Pika Dòn Hiroshima, che il gruppo non riuscì mai a registrare. Il Paradiso a Basso Prezzo si sciolse a metà del 1974."

La Band :

Ugo Wuillermin (piano, chitarra acustica, flauto, voce)
Paolo Manfrin (tastiere, voce)
Maurizio Baldassarri (chitarra, voce)
Sergio Cardellina (basso)
Guido Gressani (batteria)

TRACKLIST :

1. Preludio e Castastrofe (11:24)
2. Ai Raggi del Sole Morente (14:28)
3. Danza di Zingara (17:04)
4. Spleen XVII (7:41)
5. Caino nel Tempo (6:07)

Una bella recensione di questo album la potete trovare su John's Classic Rock , dunque ora non mi resta che augurarvi un buon ascolto, amici della Stratosfera.

6 commenti:

  1. Caro Franco, io te lo avevo richiesto scherzando, quando si parlava di pubblicare il lavoro di un gruppo del Nord. Devo dire che sono felice di questa tua scelta, perché - al di là del campanilismo - il disco mi piace molto e anche perché conosco personalmente alcuni degli ex componenti del Paradiso. E' vero, è l'unico gruppo prog made in Aosta Valley. Peraltro ho avuto occasione di vederli in un concerto live, uno dei pochissimi, poche settimane prima della registrazione del concerto, poi trasposto su disco, Non ho notizie aggiuntive rispetto a quanto già scritto. Quel che so è che i primi a scoprirli, stampando i nastri su CD, furono i giapponesi, da sempre grandi appassionati del prog italiano. Come ci siano riusciti proprio non lo so. Ma lo chiederò a Guido Gressani, il batterista, mio amico personale, che ancora pubblica Cd, pur essendosi da tempo spostato sul jazz, fusion e sulla musica di ricerca. Ho la sensazione (e sarà mia cura indagare) che nei suoi cassetti vi sia la copia del disco mai pubblicato del Paradiso a Basso Prezzo. Per intanto grazie del post.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Grazie Franco per il bel post, riascolterò volentieri questo gruppo che avevo sentito ormai quasi vent'anni fa, in prestito da un amico. Sarebbe un sogno, caro George, vedere ricomparire un demo di "Pika Dòn Hiroshima" del Paradiso, ancora meglio se dalle parti della stratosfera, che comunque è situata più vicino al Paradiso che la terra, ed anche sul basso prezzo direi proprio che ci siamo (scherzo, nevvero, però sarebbe davvero un colpaccio... Ah ah ah)

    RispondiElimina
  3. Benedetti i giapponesi e il loro amore per il Prog Italiano ah ah chissa perché poi mah ,misteri della vita.Non c'é problemi George é stato un piacere condividere questo album con la Stratosfera.Bye Bye

    RispondiElimina
  4. Ho parlato con l'ex drummer del PBP. L'unico nastro oggi esistente è quello del concerto pubblicato. Il gruppo aveva registrato su una cassetta i provini del nuovo album, stile
    Mmahavishnu Orchestra, ma il nastro è andato rotto nel lettore. Quindi non vi sono più tracce audio della loro breve carriera. Dommage!!

    RispondiElimina
  5. Il live è registrato all'ARC EN CIEL di Saint Vincent,io li vidi al Cinema Ideal Di Verres...
    DANILO57

    ROCK RARE COLLECTION FETISH

    Ma ALAN SORRENTI non lo considerate?....parlo dei primi anni ovviamente....ho pubblicato 2 live interessanti storicamente,uno registrato da me...ciao

    RispondiElimina
  6. Ciao Danilo.
    Grazie per le informazioni. Ti volevo dire che un post di Alan Sorrenti è in preparazione, con uno dei bootlegs che hai postato tu su RRFC. L'ho passato al giovane e valente collaboratore della Stratosfera Filippo. So che lui, a sua volta, l'ha passato ad un altro amico che l'ha un poco ripulito e migliorato a livello di audio. Sto aspettandio che Filippo me lo ripassi per postarlo. Grazie e ciao

    RispondiElimina