lunedì 28 maggio 2012

Perigeo - Jazz Rock Prog Made in Italy (Superpost)


Cari amici della Stratosfera, apprese le istruzioni inviatemi dal nostro Chef Roby, eccomi qui, debuttante allo sbaraglio, con il mio primo timido post. Ho scelto un gruppo ancora assente sulla Strato che a me piace moltissimo. Si tratta del Perigeo, notissima band di jazz rock ricompresa dai più nel panorama prog italiano. Mi sono sempre piaciuti e mi piacciono tutt’ora, piacere compensato dalla recente reunion per una serie di concerti (su You Tube ci sono alcuni spezzoni del concerto di Firenze del 2008). Li ho scoperti ai tempi di “Genealogia” (avevo degli amici che suonavano la cover di“Polaris”, fantastica!) e non li ho più lasciati. Coup de foudre? Peut-être. Mi piacciono le loro sonorità, la pulizia del suono, la raffinata miscela di jazz,rock, fusion, prog: Weather Report made in Italy? Può darsi, lo hanno già detto in molti, non sto a ripeterlo. Il giudizio lo lascio agli ascoltatori.
PERIGEO - FATA MORGANA (pubblicato nel 1977)
TRACKLIST :

01 Fata Morgana
02 Tarlumbana
03 Myosotis
04 TakeOff
05 Acoustic Image
06 Red Earth
07 New Vienna

Partiamo con una bella doppietta. Il primo album che vi propongo si intitola “FataMorgana”, realizzato a Toronto, in Canada e pubblicato nel 1977 sul mercato statunitense. L’album altro non è se non l’edizione US di “Non è poi così lontano”, stampato in Italia l’anno prima, con i brani missati n modo diverso rispetto all’originale. Non credo sia stato stampato su CD, se mi sbaglio… corriggetemi (aaagh!). Con questo disco si conclude il periodo jazzrock del Perigeo. Da qui in avanti i componenti del gruppo inizieranno a dedicarsi alla carriera di sessionmen collaborando alla realizzazione di dischi di altri musicisti. Dopo la parentesi di Alice, nel 1980 col nome Perigeo Special, il gruppi si scioglierà definitivamente. Giovanni Tommaso qualche tempo dopo costituirà il New Perigeo, con una line up completamente rinnovata. Ma questa è un’altra storia.


This is the US edition of the Italian release "Non E' Poi Cosi' Lontano. The mix is different from the original

LINE UP
Bruno Biriaco / drums
Franco D'Andrea / acoustic & electric pianos, synthesizers
Claudio Fasoli / alto, soprano & tenor saxophones
Tony Sidney / acoustic & electric guitars
Giovanni Tommaso / vocals, basses
Pete Pedersen / string arrangements
Dick Smith / percussion

LINK


PERIGEO -LIVE IN ITALY 1976
(pubblicato nel 1990 come doppio LP)
Registrato dal vivo a Pescara il 6 agosto 1976
TRACKLIST DISC 1 :

01 Take Off
02 NewVienna
03 LaValle dei Templi
04Myosotis
05 TerraRossa
06Acoustic Image
07 Tarlumbana
08 ViaBeato Angelico

TRACKLIST DISC 2 :

01 Il Festival

Registrato dal vivo a Pescara il 6 agosto 1976 ma pubblicato dalla Contempo solo nel 1990, Live in Italy 1976 è il secondo album live ufficiale del Perigeo insieme a “Live at Montreux”. In pratica viene riproposto quasi tutto l’album “Non è poi così lontano”, alias "Fata Morgana". E’ interessante l’inedito “Il Festival”, una cavalcata di oltre 25 minuti che occupa il secondo CD. L’album riprende il gruppo nel suo concerto di addio, per l’appunto a Pescara nel 1976, ed è inevitabile provare una punta di nostalgia ascoltando lo scorrere dei suoni. Particolarmente bella è la versione live del cavallo di battaglia “Via Beato Angelico”. Per un ascolto ottimale dell’album seguite queste semplici istruzioni: abbassare le luci, mettersi le cuffie, accomodarsi in poltrona e accendere il lettore CD. Volendo ci sta pure una birrettina, tra il primo e il secondo CD.


LINE UP
Tony Sidney / electric & acoustic guitars
FrancoD’Andrea / electric piano, synthesizer
ClaudioFasoli / saxophone
GiovanniTommaso / bass, contrabass, synthesizer
BrunoBiriaco / drums, percussion
LINK

E ora il dessert
BONUS VIDEO
Come bonus vi propongo la degustazione di due bei video (già convertiti in avi) presi in prestito da YouTube, che catturano il gruppo in un concerto del 1973. Le tracks sono “Azimut” e “Abbiamotutti un blues da piangere”.
Link "Azimut video!
C’est tout.. Goutez e Comparez





















22 commenti:

  1. mi sa che hai scritto la line up a caratteri neri in campo nero.......... :-) strano che il correttore di mezzanotte non si sia ancora fatto vivo

    RispondiElimina
  2. muy grande, excelente. Muchas gracias

    RispondiElimina
  3. Strano. Io il testo l'ho scritto con caratteri neri sulla pagina bianca. Vai a capire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto,George complimenti per il sopraffino post,i Perigeo erano veramente un gran bel gruppo.Secondo non ti preoccupare per i caratteri puó succedere,poi come ben sai il Piccolo Correttore Notturno é sempre in agguato dunque il problema non sussiste :)

      Elimina
  4. Grazie per il sostegno, Franco. Agli inizi ci vuole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi!!! anche il mio era un sostegno! non sapete leggere tra le righe? ah, già... nero su nero... :-(

      Elimina
    2. Rattus sei piú acuto di una punta d'ago ahahahah troppo forte !!!

      Elimina
    3. come direbbe il Principe: fatti una risata davanti a 'sto dito mignolo

      Elimina
    4. Malnato il mio era un complimento !!!!! come direbbe il Principe: a ogni limite c'é una pazienza !!!

      Elimina
  5. Carissimo Franco, ti chiedo infinitamente scusa per l'oltraggioso atteggiamento alle tue missive, con l'addenda del protrarsi altercamente. Non è da me, credimi. E' stato un fuggitivo istante nel quale ho creduto che una sconosciuta nube proveniente dal più infinito spazio profondo avesse invaso la stratosfera permeando di un malefico occulto il forte legame tra di noi del quale ne vado orgogliosamente fiero ora e, spero, in futuro.
    Ora smetto perchè scrivere con una mano e con l'altra asciugarmi copiose e calde lacrime solcanti il mio viso, non è facile.
    un abbraccio
    R.I.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo tale missiva come puoto portar rancor nel mio cuor,fiero sono della nostra amichevole interazion.Ora mi unisco a te in una liberatoria piagnizion e di ti mando un grande abbraccion.Eh eh sicuramente con questi versi il Nobel alla letteratura non lo vinco. Ciao Rattus

      Elimina
  6. Porcaccia galera che pathos!! Chebbelle rime baciate al controfiocco! ragazzo, hai un futuro assicurato nei bigliettini dei Baci Perugina; però per una sottomarca, ossia la variante lassativa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah!!! I famosi Baci Cagatina,da non perdere !!!

      Elimina
  7. Ueh, friends, quando avete finito con i cazzaggi, postate un po' di album! Qui c'è fame di musica.

    RispondiElimina
  8. non è colpa mia, Prof! è il francone che mi disturba e non riesco a fare i compiti :-(

    RispondiElimina
  9. Ok George ,rientro nei ranghi e cercheró di non disturbare piú il topastro,in quanto a me ho quasi finito il mio periodo di apatia ricorrente ,un post non é molto lontano :)

    RispondiElimina
  10. A seguito dell'impareggiabile epistolario redatto in un vernacolo degno di Brancaleone, sono a segnalarvi un ritrovamento degno di codesto post:

    http://errny-progrockplazerna.blogspot.it/2012/06/perigeo-alice-by-perigeo-special-qdisc.html

    Ossequi
    Webminer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Voi i nostri ringraziamnenti. Già effettuato il carico grazie anche alle comodissime istruzioni in cirillico.

      Elimina
  11. Grazie, ottimo post e ottime informazioni.
    Anche questi ho avuto il piacere di vederli dal vivo un paio di volte, quando Modena faceva parte del giro Tour ed era una tappa fissa dei complessi italiani, e non solo. Era anche spesso considerata una tappa sopraffina, per i nostri precedenti, e spesso veniva scelta come prima data per presentare un nuovo album, come infatti successe per i Perigeo, che vennero qui al Mac2 a presentare Abbiamo tutti....
    Un'apoteosi come era prevedibile.

    RispondiElimina
  12. Sorry I missed out on these, any chance of reloading live in Italy & Fata Morgana? Thanks anyway

    RispondiElimina
  13. mi accodo a james, ho scoperto solo ieri il tuo poderoso blog, in particolare fata morgana, please.....
    alfonso

    RispondiElimina
  14. Al concerto del 2008 eravamo sotto il palco e dopo li abbiamo anche conosciuti di persona. Ed è stato bello scoprire che si ricordavano di una piccola band veneta che porta in giro 2 ore del loro repertorio nei (pochi) concerti che facciamo nei locali. Grandi personaggi e grandissima musica, che è immensamente bella da suonare. Luca & Microsolchi

    RispondiElimina