venerdì 2 dicembre 2016

Le "Antologie della Stratosfera" vol. 27 - Claudio Lolli: i primi anni '80 - Extranei (1980) & Antipatici Antipodi (1983)


Con l'arrivo del mese di dicembre si comincia a sentire il profumo delle strenne natalizie. E non mancheranno certo sulla Stratosfera, questo è poco ma sicuro. Iniziamo allora con questo piccolo cadeau che vede come protagonista Claudio Lolli, cantautore peraltro già ospitato su queste pagine. Eviterei quindi la solita biografia anche perché già tracciata nel post dello scorso anno. Ho ripescato i primi due dischi incisi da Lolli all'alba degli anni '80, tratti dal vinile, anche perché non mi risultano ristampe in versione CD. Gli album sono "Extranei" (1980) e "Antipatici antipodi" (1983)


Claudio Lolli - 1980 - Extranei


TRACKLIST:

01. Come un Dio americano
02. I musicisti
03. Double face
04. Il muto 
05. Der blaue engel
06. La canzone del principe rospo
07. Non aprire mai
08. Il ponte


MUSICISTI

Claudio Lolli: voce
Roberto Costa: basso, pianoforte, contrabbasso, ARP, pianoforte elettrico, polimoog, 
organo Hammond
Bruno Mariani: chitarra elettrica, chitarra 12 corde, chitarra acustica, Roland Synth guitar
Adriano Pedini: batteria
Guido Elmi: percussioni
Piero Baldassarri: pianoforte
Danilo Tomasetta: sax alto, sax tenore, ottavino, flauto
Andy J. Forest: armonica (in 1)
Rino Clari: clarinetto


A distanza di tre anni dalla pubblicazione di "Disoccupate le strade dai sogni", Claudio Lolli ritorna in sala di registrazione per sfornare un nuovo lavoro ancora per l'etichetta EMI dopo la breve parentesi con Ultima Spiaggia. Lasciatosi alle spalle l'impegno politico della prima ora, accantonati gli uomini in crisi, gli zingari felici e anche le canzoni di rabbia, per Claudio Lolli si apre una nuova stagione e con essa una nuova vita artistica. "Extranei" è un album decisamente più musicale, con testi sempre "impegnati", molto vicino stilisticamente alle esperienze di Francesco De Gregori a cui Lolli si richiama in molti brani. Gli arrangiamenti sono curati da Bruno Mariani e Roberto Costa. Anche in questo lavoro la voce e i testi di Claudio Lolli sono sostenuti dai musicisti dell'Orchestra Njervudarov. Tra i musicisti ospiti troviamo Andy J. Forest all'armonica a bocca nel brano di apertura.


 

Claudio Lolli - 1983 - Antipatici antipodi


TRACKLIST:

01. Antipatici antipodi
02. Notte americana
03. L'uomo a fumetti
04. Non voglio mettermi il pigiama
05. Torquato
06. Villeneuve
07. Formula uno
08. Romantic Ballad


MUSICISTI

Claudio Lolli - voce
Maurizio Preti - percussioni
Maurizio Bassi - tastiera
Tiziano Barbieri - basso
Jimmy Villotti - chitarra
Claudio Bazzari - chitarra
Gaetano Leandro - programmazione
Aldo Banfi - programmazione, sintetizzatore
Lele Melotti - batteria
Amedeo Bianchi - sax contralto
Claudio Pascoli - sax


Altri tre anni di attesa e viene dato alle stampe "Antipatici antipodi", che vanta una copertina disegnata dal fumettista e pittore Andrea Pazienza (scomparso nel 1988). Questa volta la EMI non bada a spese e attua un battage pubblicitario su larga scala. Il brano di punta è Notte americana, che Lolli propone in numerosi passaggi televisivi sulla RAI. Non manca una dedica a Villeneuve, il campione automobilistico morto da poco in quel periodo.

 Per la stagione 1983-1984 Claudio Lolli allestisce con Gian Piero Alloisio lo spettacolo "Dolci promesse di guerra" (documentato da un bootleg ma non da dischi ufficiali), in cui i due, oltre a eseguire i loro brani più celebri, si scambiano due canzoni ed interpretano insieme Come un dio americano di Lolli (fonte Wikipedia).

Claudio Lolli è qui accompagnato da una nutrita schiera di musicisti, tra i quali Jimmy Villotti alla chitarra e Claudio Pascoli al sax. E' probabile che ritorneremo ancora su Claudio Lolli in futuro, sia per la sua lunga produzione discografica che per la qualità dei contenuti musicali.



E con questo ho concluso. Nell'attesa dei vostri commenti, sempre preziosi e sempre graditi, vi auguro buon ascolto.

Post by George 

11 commenti:

  1. Grazie mille super-George, é un piacere immenso riascoltare questi due album di Claudio.

    RispondiElimina
  2. Che può dire un lolliano della prima ora? Grazie!
    Giancarlo (Gici Emme)

    RispondiElimina
  3. ...Dimenticavo, caro George, dato che lo hai citato, per caso hai il bootleg di "Dolci promesse di guerra" e altre chicche di Lolli da postare qui?. Grazie infinite in anticipo.

    RispondiElimina
  4. Caro Albe, quello non ce l'ho. Però nel post dello scorso anno c'era un bel bootleg. Lo hai visto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, grazie, l'ho visto: live a Caserta 8 maggio 1978, un'ottimo concerto!

      Elimina
  5. Ciao, se interessa io il bootleg di "Dolci promesse di guerra" ce l'ho, da qualche parte (quindi devo cercarlo...), scrivimi una mail e poi te lo mando.

    RispondiElimina
  6. Ottimo. Ti scriverò a breve. Sarebbe un bel colpo riuscire a pubblicarlo.

    RispondiElimina
  7. E qui il mio amico George mi ha battuto sul filo di lana (anche se coi miei tempi da bradipo si potrebbe citare una nota pubblicità di questi ultimi anni:"Ti piace vincere facile?"). Questo perchè memore del bellissimo post "Disoccupate le strade dai sogni" seguito dal bootleg - concerto a supporto dello stesso album, avrei voluto fare lo stesso con Extranei, dato che ho il concerto al Teatro Tenda di Milano del 30/8/1980. Grande George vincitore quindi del suddetto concerto, ahimè senza album in quanto ci hai già pensato tu, ma che spero ugualmente gradito. Per cui...a presto. Frank - One

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, prossimamente,lo postate il concerto al Teatro Tenda di Milano del 30/8/1980? Attendo con entusiasmo e grazie anticipate!

      Elimina
    2. Tranquillo Albe, quanto prima lo passo al Capitano, col quale però condivido un'opinione comune a molti frequentatori del blog, ovvero che da appassionati sia sbagliato mettere troppa carne al fuoco, si rischia il mero download, senza il tempo per ascoltare. A me gli gnocchi piacciono tantissimo, ma se me li trovassi a tavola tutti i giorni, pranzo e cena... Buona salute a tutti, Frank - One

      Elimina
  8. Tra l'altro ricordo di aver visto alla Montagnetta di Milano in un Festival de l'unità il concerto Lolli Alloisio, con unico interlocutore il cantautore genovese e Lolli istrionico sul palco che non proferì una sola parola durante l'intera performance. Sarebbe meraviglioso averne un ricordo almeno sonoro. Ricordo anche sempre in quel periodo una trasmissione televisiva andata in onda sul canale della Svizzera Italiana, con ospiti gli stessi Lolli e Alloisio presentati da Ombretta Colli (ancora lontana dalle idee Forza Italiche che l'avrebbero vista protagonista anni e anni dopo). Ricordo una trasmissione godibilissima ed ironica, ah....avere la possibilità di rivederla, sarebbe fantastico!!! Frank - One

    RispondiElimina