domenica 19 maggio 2019

Serie "Bootleg" n. 293 - Eugenio Finardi, Firenze, 28.08.1977 (soundboard)


TRACKLIST:

01. Diesel
02. Scuola
03. Oggi ho imparato a volare
04. La radio
05. Saluteremo il signor padrone
06. Non è nel cuore
07. Caramba
08. Voglio
09. Scimmia
10. La C.I.A.
11. Musica ribelle
12. Tutto subito (encore)


FORMAZIONE

Eugenio Finardi -voce, chitarra, armonica
Lucio Fabbri - violino, pianoforte, chitarra
Walter Calloni - batteria
Roberto Possanzini - basso
Lucio Bardi - chitarra, mandolino, banjo


L'amico Marco Osel ci ha regalato questa volta un magnifico concerto di Eugenio Finardi registrato il 28 agosto 1977 a Firenze in un luogo rimasto sconosciuto. Il bootleg è piuttosto raro e le informazioni sul web sono pressoché inesistenti,  ad eccezione del sito Maclen's archive che lo indica sulle sue pagine (qui)
La registrazione è di ottima qualità: ci troviamo di fronte ad un soundboard.
Il tormentone dell'intero concerto risiede nella difficoltà di fare spegnere le luci al neon sopra le tribune. Altrettanto degne di interesse sono le presentazioni dei brani ad opera di Finardi. ma siamo nel pieno degli anni '70, buon dio, e certe prese di posizione (la premessa a "Scuola" ne è un esempio) erano naturali in quel periodo. 


Ma veniamo al concerto: "Diesel" era il terzo album in assoluto pubblicato da Eugenio, dopo "Non gettate alcun oggetto dal finestrino" (1975) e "Sugo" (1976). La scaletta propone alcuni brani da "Diesel" affiancati da episodi tratti soprattutto da "Sugo". Strepitosa la versione di Musica ribelle, con un gran lavoro di basso-batteria. La parte del leone la fa Lucio Fabbri, autore di due incandescenti assoli di violino in La radio e Caramba (quest'ultima riesumata dal primo LP). E che dire di Lucio Bardi? Ascoltate il suo assolo di chitarra in La CIA. Poteva forse mancare in scaletta Saluteremo il signor padrone? Non se ne parla nemmeno.
In conclusione si tratta di un buon concerto, un po' retro, con un Finardi della prima ora incazzato e ribelle, come la sua canzone-emblema. 
Osel mi ha anche inviati un altro live di Finardi intitolato "Musica Ribelle Live", che però risulta essere un disco ufficiale pubblicato nel 2013 (quindi troppo recente per la Stratosfera) e facilmente reperibile sul mercato on line.
Null'altro da aggiungere se non auguravi buon ascolto.



Post by George - Music by Osel

10 commenti:

  1. Di Finardi ricordo una sua partecipazione alla Festa dell'Unità a Bari nel '76 (se non sbaglio). In effetti la politicizzazione nella musica era ai massimi livelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. erano anni particolare.....lontani anni luce da oggi! Anche Finardi, in concerti recenti, presentando vecchi pezzi diceva che sono datati e forse incomprensibili per chi non ha vissuto quei tempi.
      Nonostante certe esagerazioni demagogiche, devo dire che rimpiango gli anni 70......musicalmente , ma anche politicamente.....ricordiamo le lotte per il divorzio e l'aborto? per rimanere sui diritti sociali.....
      Pensavamo di cambiare il mondo.....e va già bene se il mondo non ha cambiato del tutto noi!
      Molti di noi, Eugenio compreso, abbiamo lasciato certe militanze un pò immature, ma non abbiamo lasciato lo slancio umano verso un modo di vivere più giusto e rispettoso.
      Per i giovani di oggi certe canzoni possono sembrare preistoriche....non dissimili dall'inno di Mameli.....eppure erano il segno di un forte sentire.
      Che dire, col maestro Bob : the times they are a changin.....e forse non in meglio!

      Elimina
    2. Osel, condivido in tutto. Altri tempi ed altre utopie!

      Elimina
    3. Sottoscrivo in toto le considerazioni di Osel. Nel '76, ebbi modo di assistere anch'io, al concerto dei Eugenio. Concerto prettamente acustico, accompagnandosi con la sola chitarra (Festa dell'Unità svoltasi a Cosenza - location il viale della Villa Vecchia nel Centro Storico della città). Un bel ricordo!

      Elimina
  2. Ho fatto il download ma all'estrazione del file comunica che l'archivio è danneggiato. Sergio

    RispondiElimina
  3. Ottima qualità sonora e artistica: grazie di esistere a tutta la Stratosfera, a George e ad Osel, che ha condiviso questa meraviglia ed ha postato un toccante commento relativo agli anni '70, che condivido pienamente.

    RispondiElimina
  4. il live che ho inviato.....recente è un cd semi-ufficiale....non compare nella discografia ufficiale e uscì per un'etichetta sconosciuta.
    Attualmente non è più disponibile come cd, è scaricabile su qualche piattaforma e documenta un bellissimo concerto di qualche anno fa.....un bellissimo show con una scaletta inusuale e una band da brivido, molto rock.
    Speriamo sia postabile...prima o poi

    RispondiElimina
  5. Eugenio (un altro!)21 maggio 2019 23:22

    Caro Osel,
    le tue parole andrebbero scolpite sulla lapide degli anni settanta!
    Un abbraccio a tutti gli amici della Stratosfera.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina