martedì 17 settembre 2019

Serie "Bootleg" n. 297 / 298 - Bubola Comes Alive! - 2001 & 2003


Considerato l'alto gradimento ottenuto da "Marabel", postato prima della pausa estiva e grato all'amico Marco Osel che tempo fa mi inviò due meravigliosi bootleg, eccoci nuovamente pronti a rendere omaggio al grande Massimo Bubola. Quella che vi proponiamo è solo la prima parte di un trittico che si concluderà nei prossimi giorni. Ma, al momento, non voglio aggiungere nulla di più. Intanto, parafrasando il celebre doppio live di Peter Frampton,  gustiamoci questo "Bubola Comes Alive!" che consiste in due bellissimi concerti, senza dubbio pubblicati per la prima volta sul web, almeno in forma integrale

Massimo Bubola - Sant'Ilario di Reggio Emilia, 
Festa dell'Unità, 21 luglio 2001


TRACKLIST (in one file):

01. Un sogno di più
02. Fiume Sand Creek
03. Quello che non ho
04. Emmylou
05. Don Raffaè (slow blues version)
06. Niente passa invano
07. Andrea
08. Camicie rosse
09. Capelli rossi
10. Eurialo e Niso
11. Tre rose
12. Volta la carta


Massimo Bubola entra di prepotenza negli anni 2000 con un doppio live, "Il Cavaliere elettrico vol. I & II"  e con alle spalle una lunga produzione discografica iniziata nel lontano 1976 con il quasi leggendario "Nastro giallo". Il 1976 segna anche l'inizio della collaborazione con Fabrizio De André. "Rimini" vede Massimo Bubola coautore di tutti i brani. La collaborazione con De André continua nel 1980 con Una storia sbagliata, brano scritto come sigla di un documentario-inchiesta sulla morte di Pier Paolo Pasolini, e nel 1981 con la realizzazione dei brani per l'album "Fabrizio De André" e nella seguente tournée. Quindi le strade artistiche dei due (ma non quelle personali) si dividono per qualche anno, quando Bubola è impegnato nella sua "letteratura rock" (già iniziata tra il suo primo e secondo album), mentre l'artista genovese si sposta sul Mediterraneo con Mauro Pagani per realizzare "Crêuza de mä". I tre musicisti si ritroveranno a lavorare insieme nel 1990, alla stesura della canzone Don Raffae'. Il brano, arrangiato in origine a tempo di tarantella, è stato negli anni riproposto da Bubola stesso con nuove vesti sonore. In questo concerto possiamo ascoltarla in chiave slow blues, praticamente irriconoscibile.

Bubola e De André ai tempi di "Una storia sbagliata"
Bubola sia nei dischi in studio che nei concerti live dimostra di avere ben introitato le lezioni del maestro De Andrè: i testi, a volte intimisti, altre volte provocatori, ben si coniugano con una voce roca e dai timbri profondi. Nel corso del concerto di Sant'Ilario gli omaggi a Faber non mancano. Oltre alla già citata Don Raffaè, sono presenti Fiume Sand Creek, Andrea e, in chiusura, Volta la carta. Le altre tracce provengono dalla sua vasta discografia. La qualità della registrazione (su un solo file) è di ottima qualità. Da gustare dalla prima all'ultima nota. Immenso l'apporto del violinista Michele Gozich, già collaboratore di Michelle Shocked e di Eric Anderson.

 Massimo Bubola - Reggio Emilia, Parco Campo di Marte, 
6 luglio 2003


TRACKLIST (in one file)

01. Marabel
02. Maria che ci consola
03. Fiume Sand Creek
04. Corvi
05. Quello che non ho
06. Spezzacuori
07. Johnny lo zingaro
08 .Dove scendono le strade
09. Emmylou
10. L’usignolo
11. Se ti tagliassero a pezzetti
12. Niente passa invano (cut end)


Il secondo concerto, registrato due anni dopo a Reggio Emilia, si apre in bellezza con Marabel, dal suo secondo album del 1979. Cambia parzialmente la scaletta ma non cambia l'intensità dei suoni. Oltre ai "soliti" brani ripescati dal repertorio di De André, spiccano due gioiellini quali Corvi e L'usignolo (entrambi da "Mon Tresor" del 1997). Sottolineo che molti brani presentati da Massimo Bubola in questi due concerti non sono ricompresi nei tre live ufficiali "Il cavaliere elettrico". Una ragione di più per apprezzarli. Anche in questo caso Osel ci regala una registrazione di ottima qualità. E' tutto. Cari amici, intanto gustatevi questi due concerti. Il seguito arriverà fra qualche giorno. Buon ascolto.


LINK  Live 2001
LINK  Live 2003

Post by George - Music by Osel


2 commenti:

  1. Due concerti stupendi: grazie infinite e attendo con entusiasmo altri live di Bubola.

    RispondiElimina
  2. Michele Gazich, non Gozich

    RispondiElimina