giovedì 5 maggio 2011

Biglietto per l'inferno - 1974- Biglietto per l'inferno

TRACKLIST :

01 - Ansia (4:12)
02 - Confessione (6:28)
03 - Una strana regina (6:09)
04 - Il nevare (4:37)
05 - L'amico suicida (14:24)
06 - Confessione (strumentale) (3:14)

Direttamente da Olginate (Lecco), ecco una delle band di hard prog italiane più conosciute, autori di questo unico album che, con il tempo, è diventato un vero e proprio oggetto di culto (anche se usciranno, solo negli anni 90, un secondo album, "Il tempo della semina" registrato nel 1974 ed un live dello stesso anno, entrambi già caricati su mediafire ed oggetto di prossimi post). Abbastanza conosciuti a livello nazionale, ebbero un seguito da band di culto nelle ridenti colline brianzole. Anni fa, in un posto strano per un motivo altrettanto inusuale, conobbi un ragazzo di Lecco che era un amico dei ragazzi del"Biglietto", soprattutto del cantante Claudio Canali (autore tra l'altro di tutti i testi di quest'album): mi raccontò che, dal vivo, questa band era certamente tra le più trascinanti degli anni 70, ed i loro concerti erano spesso sold out, tale era il seguito che il "Biglietto" aveva: lui e i suoi amici erano supporters fissi e seguivano la band durante i concerti che facevano in tutta la lombardia. I concerti finivano irrimediabilmente con jam sessions con musicisti del pubblico e grandi bevute e fumate.
Il "Biglietto per l'inferno" è ancora attivo oggi e porta avanti un discorso di ricerca sulla musica popolare (tanto da chiamarsi oggi "Biglietto per l'inferno.Folk"). Fanno ancora parte della formazione Giuseppe Cossa e Mauro Gnecchi, insieme ad altri 6 musicisti (di cui 2 donne).

Il loro sito ufficiale si trova quì.

I Biglietto per l'inferno erano:

Claudio Canali - Voce, flauto, filicorno
Giuseppe "Baffo" Banfi - Organo, moog
Giuseppe Cossa - Piano, organo
Marco Mainetti - Chitarra
Fausto Brachini - Basso
Mauro Gnecchi - Batteria

Il Biglietto in concerto nel 1974, la batteria come si può ben vedere è in prestito dai Garybaldi

Il carismatico cantante del Biglietto, Claudio Canali, che oggi è un frate che vive in un convento in montagna (in un dvd di recente produzione, un concerto tributo svoltosi a Lecco nel 2005, si può trovare un'interessante intervista a frà Claudio oggi, che ricorda come esaltanti i momenti nel Biglietto per l'inferno, ma mai esaltanti come gli anni da frate, nel suo convento lontano dai clamori e dalle cose effimere).

Quì trovate l'approfondimento di John Classic Rock, quì invece l'usuale LINK all'album
Inserisci link

2 commenti:

  1. exelente este primer trabajo de este gran grupo italiano

    RispondiElimina