giovedì 21 marzo 2013

Astrolabio - 1980 - Spirit Folet


TRACKLIST :

1 - Spirit folet/Pifferata palazzo di città/Conta (B. Costa/traditional/traditional)
2 - L'umbra gaia (T. Parisi)
3 - La bella all'armata (traditional)
4 - Al gril e la furmia (Maria Masoni-Astrolabio)
5 - La giostra di Martina (B. Costa)
6 - La prova (traditional)
7 - Mazurka e breton vals (traditional)
8 - La cirese e la funtan-a (Galli-Parisi-Brondetta)
9 - La mort (B. Costa)

Questo disco fu pubblicato un paio di anni fa sul bellissimo blog Il Golpe e L'Uva ma il link risulta scaduto da tempo. Ho così pensato fosse cosa buona e giusta proporre, a chi ancora non lo conoscesse, questo rarissimo album di musica folk con venature celtiche di un gruppo proveniente dalla zona di Torino. Anche se la datazione "ufficiale" lo fa risalire al 1980, sembra che quest'album sia una produzione privata del 1978, stampato in una manciata di copie, dunque davvero introvabile. Peccato davvero non abbia avuto diffusione un gioiellino del genere, dove a canzoni più classicamente folk se ne affiancano altre "con quel piglio in più", vedi la title track (veramente notevole la "Conta" finale, con i suoi splendidi impasti vocali), lo strumentale e gioioso "La giostra di Martina" e la cupa e dark (a suo modo) "La mort", che chiude più che degnamente il disco. Il pezzo conclusivo è anche la personale scelta del Capitano per la prima posizione nella Top Songs di quest'album.

Insomma, amici miei, non fatevi intimorire dalla sigla folk (etichette...), ne' dal fatto che l'album sia interamente cantato in lingua dialettale (il Canavese?): un'ascoltata questo Spirit Folet la merita in pieno, e son sicuro che alla fine non resterà l'unica.

ASTROLABIO : 

Giuliana Galli: voce, percussioni
Lorenzo Brondetta: cornamusa, schalmein, flauto, fiati
Beppe Costa: hurdy-gurdy, arpa, guitar
Tullio Parisi: fisarmonica, mandolino, voce
Marco Robino: violoncello
Beppe Turletti: fisarmonica (track 5)

 

Post by Captain 

7 commenti:

  1. proposta interessante, anche il fatto che il tecnico del suono sia Marco Cimino (Esagono, Arti+Mestieri) promette bene...

    RispondiElimina
  2. Thank you for this magic album. Greetings from Brazil. Grazie! :)

    RispondiElimina
  3. Io ho suonato con loro prima della produzione di quest'album. Sono contento di vedere che qualcosa è rimasto :-) Bel periodo quello per la musica a Torino!

    Roberto Labate

    RispondiElimina
  4. Nel '77 ho cominciato ad ascoltare i Malicorne e nel '78 è arrivato questo fantastico disco torinese. Ho ancora il vinile. Magico !

    RispondiElimina
  5. Va' bene, grazie! Fa piacere ricevere tanti complimenti, dopo tanti anni! Io hofatto parte dell'Astrolabio, e sono il BeppeCosta che e' nella foto con la sigaretta in bocca. Di quell'album se ne fecero 1000 copie, credo, io ne possiedo ancora tre, e me le tengo. A distanza di quasi quarant'anni, non ho ancora smesso di fare musica. Da trent'anni vivo ad Amsterdam, dove lavoro,
    il mio ultimo CD s'intitola Meral's Harem e lo trovate un po' dappertutto, spotify, iTunes etc. etc. Nel caso cercatemi su Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beppe. La foto con la sigaretta l'avevamo fatta all'Isola dei Pescatori, sul traghetto che ci portava e c'ero anch'io . . . Stammi bene. Roberto Labate

      Elimina
    2. Me lo suonava sul giradischi mia madre,nei primi '80.Il vinile è ancora a casa sua.La signora Galli era la fidanzata di mio zio all'epoca.Eravate spesso alla Stella d'Italia di Caluso,io ero bocia ma mi ricordo benissimo!!Impazzivo per la fisarmonica di Tullio!!Saluti Costa,bel momento di ricordi grazie a questo disco.

      Elimina