venerdì 21 ottobre 2016

Demetrio Stratos - 1995 - Concerto all'Elfo (registrazione live del 1978)


TRACKLIST:

eccola!


Un bell'omaggio al grande Demetrio Stratos con questo suo disco live, meno ostico di quello che ci si porrebbe aspettare. Pubblicato nel 1995 dalla Cramps e ristampato nel 2006, il disco racchiude il concerto performance al Teatro dell'Elfo di Milano risalente al settembre 1978 (pare che la sala fosse scenograficamente invasa dalla sabbia). Il concerto per sola voce ebbe luogo pochissimi giorni dopo l'uscita di "Cantare la voce". Quest'ultimo, in coppia con "Metrodora", rappresenta la quintessenza della sperimentazione nell'uso della voce da parte di Demetrio Stratos, i queste occasioni orfano degli Area. Le versioni qui proposte sono fedeli agli originali e ogni brano è introdotto da una ricca spiegazione da parte del cantante. Attenzione, l'album è comunque tutt'altro che facile: la traccia più "pesante" da ascoltare è sicuramente la prima, anche perché ha una durata di oltre 18 minuti. Sono anche presenti brani parzialmente inediti, quali O Tzitzeras O Mitzeras, breve e divertente scioglilingua greco (che era però già apparsa sull'antologia "Futura: Poesia Sonora", sempre della Cramps), Tema Popolare (vi accorgerete che si tratta della versione "a cappella" di Cometa Rossa degli Area) e la conclusiva Canto dei Pastori.


Mi piace riportare in chiusura quello che ha scritto Filippo Bordigon nella sua recensione del disco pubblicata sul sito "Sentireascoltare" nel 2014: 

"un album certamente difficile, senza concessioni, del quale disquisirebbero volentieri per ore glottologi, etnomusicologi, logopedisti ecc. lasciando uscire dal cavo orale una quantità d’aria tale da convincere, magari per sfinimento, anche il più scettico degli ascoltatori". 
Buon ascolto.



Post by George 


Commento finale (del tutto personale)
destinato ai frequentatori di questo blog

Come è facile intuire questo blog è esclusivamente frutto della passione che il sottoscritto, e prima ancora il nostro Captain (sporadicamente anche altri collaboratori), mette / mettiamo da anni per arricchirlo e farlo crescere. Il post non è cosa che nasce come un fungo, ma richiede molto tempo, spesso molte ore di lavoro che vengono generalmente sottratto al sonno o al tempo libero. Ma tutto ciò, visto che non ce l'ha prescritto il medico, a voi poco importa e noi lo facciamo volentieri. Dopo anni che navigo sul web e osservo i contenuti di altri blog (e i fitti commenti), devo dire che la Stratosfera si sta dimostrando tra i più longevi, i più ricchi di contenuti e, soprattutto, di materiale raro spesso introvabile altrove. Non  a caso qualche anno fa il nostro blog fu oggetto di una tesi di laurea. Siamo anche stati gratificati dai commenti giunti da musicisti (ricordo quelli dei New Trolls, di Tolo Marton e altri ancora) Qualcosa vorrà pur dire... Però manca una cosa che per noi è sostanziale.

Sapete, cari amici , qual è l'aspetto gratificante che ci fa capire di essere sulla buona strada e che ci spinge a continuare il percorso fin qui intrapreso (visto che non abbiamo alcun profitto)? Semplice: sono i vostri commenti, positivi o negativi che siano non importa. Noi abbiamo bisogno di sentirvi vicini, di avere il vostro sostegno, di leggere le vostre considerazioni (che non siano solo richieste di reupload o cose simili), di aiutarci a rendere - attraverso la vostra voce -  il blog uno strumento interattivo, uno strumento di dialogo e non solo da utilizzare per fare i download di dischi e concerti. Anni fa un nostro collaboratore (da tempo oramai ex-collaboratore per ragioni personali) disse e scrisse la stessa cosa e dopo poco abbandonò la collaborazione.

Post lunghi e laboriosi (vedasi Vanni Scopa, tanto per citare l'ultimo in ordine di tempo) privi del benché minimo commento - tranne il mio di doverose sostegno -  ti fanno sentire un po' avvilito. Noi non siamo una linea di produzione che sforna post con continuità e regolarità: noi vorremmo essere il motore di un gruppo di amici, di appassionati, di sostenitori. Almeno così dovrebbe essere, invece così non è. E qui concludo. Perdonate questo mio innocuo sfogo. 

Sto però accarezzando l'idea di prendermi una lunga pausa di riflessione e magari di dedicare il mio tempo libero (quel poco che rimane dopo il lavoro e le incombenze familiari) ad altre attività. Non so cosa dirà o farà il mio sodale amico Robi, alias Straospheric Captain. 

George 

36 commenti:

  1. Caro George interpreti perfettamente il mio pensiero.
    Il post di Vanni Scopa è costato diverse ore di lavoro a più persone: l'amico Anonymous che ha fatto un ottimo rip dal suo vinile, il webmaster del canale Senzatemponoi che ha riversato su video dai suoi reperti personali ed il sottoscritto, che ha rielaborato il tutto cercando riferimenti storici precisi e preparando un testo che fosse minimamente all'altezza della rarità che stavamo postando. Rarità peraltro ben recepita, visto che i download in un solo giorno hanno superato i 200 sia per l'album che per le bonus tracks. Eppure nessuno commenta, e un po' di amarezza sale, devo essere sincero. E pensare che in passato, quando ho provato a far "sospirare" i files per stimolare i commenti, ritardando il link di un giorno o due i commenti stessi si sono sprecati, tutti a sperticarsi in ringraziamenti... Emblematico fu l'amico che scrisse: "se prima non me lo fai ascoltare come faccio a commentare? Se potrò ascoltare dopo commenterò". Il file dopo un paio d'ore era on line, ma il commento lo stiamo ancora aspettando oggi. E sono passati dai 2 ai 3 anni, ma poi controllerò meglio perchè il post me lo ricordo bene. Nonostante abbia in bozza davvero tante chicche, la voglia di fermarsi un po' mi è venuta già da tempo. Ripeto, a fronte di ormai quasi 2000 visite quotidiane normali (non pompate come accaduto in passato) la partecipazione in questo blog è davvero nulla.
    Tanto varrebbe, caro amico George, che ci scambiassimo i files io e te.
    Con questo ti saluto, ci aggiorniamo in tempi migliori, forse un blog come questo non è il modo giusto per condividere le proprie passioni, ce ne faremo una ragione. La vita, quella vera, avanza inesorabile ugualmente, con o senza stratosfera...

    RispondiElimina
  2. Siamo perfettamente sincronizzati, amico mio. Non avevo dubbi al riguardo. Metterò nel congelatore la scorta di dischi e concerti live in attesa di tempi migliori.
    Ciao a tutti.

    RispondiElimina
  3. Caro Capitano e caro George, sono quasi un abituale frequentatore della Strato, ed ogni tanto lascio qualche commento....ed avete ragione: forse per superficialità o per pigrizia(anche da parte mia)i commenti sono diradati. E'chiaro quasi tutti preferiscono una discussione su PFM(il mio miglior gruppo in assoluto) piuttosto che un post certamente molto impegnativo su Demetrio...ma è così che va'. Ma non mollate, non abbandonate questo blog che avete fatto veramente grande e importante in questi anni. Comunque grazie per tutte le cose che mi avete fatto conoscere e scoprire. Antani49

    RispondiElimina
  4. Cari George e Robi capisco la vostra amarezza ma vi prego anzi vi scongiuro non smettete anche solo temporaneamente il vostro contributo. Da parte mia devo dire anch'io non sono esente da colpe in quanto non sono molto prodico di commenti ai post. Ho avuto anch'io quest'estate uno sfogo nella rubrica delle richieste di reuploads in quanto denunciavo il fatto che il blog non dovesse servire solo per scaricare file, ma anche una certa colaborazione tra tutti i naviganti del blog stesso. Addirittura nella rubrica su citata a chi chiedeva un repload, alcune volte mi sono offerto di inviare io stesso il file desiderato se solo mi avessero fornito il loro indirizzo mail, ebbene non ho ottenuto nessuna risposta. Quindi cari George e Robi spero che torniate sulle vostre decisioni. Sono sicuro che molti vi faranno la stessa suplica. Quindi non scoraggiatevi. ora vi saluto caramente Ciao ILARIO

    RispondiElimina
  5. Ciao, sono uno dei "frequentatori silenziosi". Ho conosciuto vls da poco tempo, cercando in rete vecchie cose di Battiato e trovando una miniera di suoni, informazioni, immagini davvero rari ed interessanti. Non scarico moltissimo, visto che ascolto più che altro elettronica e musiche sperimentali, ma.. è vero, colgo il frutto e "scappo" senza ringraziare. Sarebbe davvero un peccato e non solo per me perdere i vostri contributi al salvataggio di veri tesori musicali, per cui mi impegno a lasciare un commento (non solo un semplice ringraziamento) ad ogni download, ed invito gli altri frequentatori a fare altrettanto. Intanto, grazie per il vostro impegno. A presto

    RispondiElimina
  6. Ed eccomi qui a commentare con una punta di vergogna le parole di George e del Capitano. È vero!! Ed io sono il primo, quante volte pur avendo i vinili (vedi l'ultimo VANNI Scopa) ho scaricato il link e mi sono abbeverato alla cascata di informazioni e note frutto di impegno tempo e dedizione profusi senza risparmiarsi!!! A volte ho anche commentato, ma sempre troppo poco, spesso ho solo postato un "eccezionale" che però avrebbe voluto essere onnicomprensivo della stima e del ringraziamento che avrei voluto manifestare, ma che comunque non ho fatto. Un 2% di giustificazione l'ho nell'aver temuto di fare la figura dell'adulatore gratuito, di colui che si spertica in complimenti solo pro forma, ma questo non toglie che avrei colmato quel 98% che invece VI SI DOVREBBE a prescindere! No cari amici, prendetevi pure una pausa, magari non lunga come la mia, ma poi tornate a produrre capolavori come quelli trovato finora. Seppur conti per quello che conti, sappiate che la mia stima, la mia gratitudine e seppur sui generis la mia amicizia è totale!!! Buona salute a tutti! Frank - One

    RispondiElimina
  7. Condivido tutto quanto detto dagli amici Ilario, Piero e Francotaxi. Personalmente non commento troppo perchè poi fatalmente si cade nei ricordi del passato, di come erano meravigliosi gli anni '70 e noi che c'eravamo non lo sapevamo, e cosi via. Io scarico essenzialmente i live degli artisti nati negli anni '70 illudendomi di aver assistito ai loro concerti giacchè ai nostri tempi era impossibile affrontare viaggi e si dovevano aspettare gli artisti nella propria città (sempre che arrivavano).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo un'altra considerazione: negli anni '70 chi aveva la fortuna/possibilità di acquistare un LP ci si riuniva nella casa dell'amico per ascoltarlo oppure l'LP girava di casa in casa. Ecco, consideriamo il nostro blog come se fossero degli LP che girano di casa in casa e ci si ritrova poi a commentarli.
      Ecco, vedete? Si è caduti nei ricordi (nel frattempo sto ascoltando un live '86 dei Nomadi). Pietro

      Elimina
  8. Sono un frequentatore abituale del blog. Un po' mi vergogno anch'io... non scrivo mai, ma leggo sempre.
    Complimenti per tutto quanto fate per la musica italiana.
    Spero non decidiate per il "silenzio".
    Enrico

    RispondiElimina
  9. Se l'intento è quello di farci sentire un po' delle merde, ci siete riusciti a pieno, me compreso. Ce lo meritiamo, per carità, me per primo. Leggo tutti i giorni la Stratosfera, aspetto i post a gloria, adoro il vostro lavoro certosino e penso che un lavoro culturale del genere non abbia pari in Italia. E' vero che non ve l'ha ordinato il dottore, ma è anche vero che fate star bene un sacco di persone con le vostre ricerche, le vostre disquisizioni, i vostri link, e le presenze lo dimostrano. Forse pecchiamo di discrezione, forse non apprezziamo il lavoro quanto dovremmo, però anche una mera sospensione del lavoro, per quanto mi riguarda, mi farebbe stare dimolto male. Fermo restando che la vita è la vostra (e Vanni Scopa non è tra i miei preferiti, ma è un puro caso) mi dispiacerebbe davvero essere privato di tanto sapere e tanta passione. Saluti, con la promessa di essere più reattivo.
    Paco

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Avete ragione... non al 100%... di più...
    Personalmente mi scuso e faccio pubblica ammenda per non aver mai sentito la necessità di fare commenti... o quantomeno ringraziarvi... per tutto il materiale che mettete a disposizione...
    Cercherò in futuro di farmi perdonare mandandovi magari un po' del materiale che ho a disposizione...
    E grazie per tutto quello che fate...
    Luca

    RispondiElimina
  12. Mantenere un blog costa fatica ed ore di lavoro. Io non commento molto pero leggo le vostre informazioni che sono molto importanti. Attravrso il blog ho scoperto molti gruppi e molti autori che non conoscevo.
    La lista del materiale che ho mandato a George è sempre disponibile ;-)

    RispondiElimina
  13. Blog imprescindibile !!
    Ezio

    RispondiElimina
  14. Che dirvi .... mi piacerebbe avere una competenza musicale tale da permettermi di commentarvi. Però capisco il senso del post. Prometto che lo faro.

    RispondiElimina
  15. Negli anni, mi sono limitato solo a segnalare le mie reazioni al post ma non ho mai lasciato un commento, probabilmente per un inibizione, la stessa che puoi provare quando dopo un concerto incontri il tuo idolo e ti escono dalla bocca solo poche parole delle tante che vorresti dire. GRAZIE, grazie per tutto quello che avete fatto, grazie per tutto quello che state facendo e mille grazie per tutto quello che farete.
    L'avervi scoperto, anni fa, ha suscitato in me la sensazione di chi scopre che c'è vita nello spazio...verso la STRATOSFERA.
    David

    RispondiElimina
  16. Sono un lettore abituale di questo blog. Qualche volta ho scaricato qualcosa, sempre ho letto gli articoli, mai ho trovato il coraggio di scrivere, anche perchè forse non ho un'adeguata competenza. Credo che siano i luoghi web come questo che rendono veramente grande la rete. Non gettate la spugna. Sarebbe veramente un danno, un impoverimento.
    Piero

    RispondiElimina
  17. Mi aggrego al coro di commenti suscitato dal giustissimo sfogo di George. Apprezzo moltissimo, e l'ho già scritto in diverse occasioni, lo sforzo che fate per mettere a disposizione di chiunque sia interessato registrazioni e informazioni altrimenti difficili o impossibili da reperire e quando ho potuto ho cercato di dare un piccolo contributo anch'io.
    Ho letto i commenti precedenti e mi sono ritrovato perfettamente in quello di Pietro che ricordava i tempi in cui l'ascolto di un disco era un'occasione per scambiare commmenti e informazioni e confrontare i propri punti di vista. Questo blog è stato e deve continuare ad essere un punto di incontro e di confronto per tutti gli appassionati del prog (e degli altri genere di tanto in tanto affrontati sempre con la stessa pacatezza e serietà).
    Continuate, ve ne prego, c'è tanta gente che apprezza il vostro lavoro anche se qualche volta dimentica di darvi il giusto riconoscimento. Grazie!

    Augusto

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Carissimi George e Captain, talvolta preferisco ascoltare le gemme che postate senza commentare, poiché non trovo parole adeguate per tali chicche, ma prometto di esternare le mie emozioni con regolarità. Mi raccomando non cedete assolutamente alla sconforto, per me siete come gli amici della porta accanto, una luce abbacinante che squarcia le tenebre della monotonia quotidiana, il più grande conforto nei momenti di negatività. Grazie per la vostra preziosa ed incommensurabile attività e continuate all'infinito

    RispondiElimina
  20. Sono consapevole del vostro stupefacente lavoro che fate per rendere il sito sempre più interessante.Capisco il lavoro che necessita tutto ciò e i tempo a disposizione in questo essere è sempre meno,per chi ha famiglia o lavoro.Avete gente che vi segue,forse non ringrazia ma questo è il prezzo che tutti pagano in questo mondo dove tutto è dovuto e la maleducazione è sovrana,lo puoi vedere anche nelle piccole cose quotidiane.Ora siete liberi di fare ciò che volete ma sono certo che persone fedeli resteranno amareggiate visto il prog è una musica per "nostalgici"un esempio è il programma from genes to revelation su radio pop condotto da scufietti non credo sia molto seguito eppure lui continua a farlo e lo zoccolo duro a seguirlo.Io sono disoccupato e i dischi ho dovuto venderli tutti per ciò non posso condividerli e inoltre la mia confronto alla vostra sapienza è solo ignoranza.Vi chiedo grazie di cuore per avemi donato un po' di sapere in più spero di potervi seguire ancora.Auguri per tutto e grazie ,scusate la lunghezza del messaggio,che forse ha detto tutto o forse niente.carpe diem Carlo

    RispondiElimina
  21. Alla mattina, quando accendo il pc in casa o in ufficio, controllo subito tre cose: il meteo, le notizie su yahoo e se c'è qualcosa di nuovo su Stratosfera. E' così da un paio d'anni...
    Ti scriverò sempre un commento. Ciao Edy

    RispondiElimina
  22. Avete ragione. Siete un mio punto di approdo quotidiano, un'oasi di musica e curiosità nel mare magnum del caos di tutti i giorni. Grazie davvero per le mille scoperte, per la cura dei dettagli, e naturalmente per la musica. GRAZIE!

    RispondiElimina
  23. Carissimi referenti e gestori del blog, sono Sergio e sono un assiduo frequentatore da diversi anni. Il commento oggi merita per quanto mi riguarda una maggiore articolazione, pur in maniera sintetica. Mi assumo tutte le colpe per aver postato pochissimo in rapporto al lavoro STRATOSFERICO da voi offerto da diverso tempo. Non potrò dirvi grazie in maniera sufficiente. A mia parziale discolpa, posso dire però che, in rapporto alla pubblicazione di diversi dischi e registrazioni, che sono delle vere chicche, ne corrispondono altrettanti che risultano interessanti dal punto di vista della rarità, storico e filologico ma non assumono nel mio giudizio la status di capolavori perduti, per cui il no comment è risultato preferibile ad uno negativo. Risulta spesso più facile fare un click per lo scaricamento che poi perdere qualche secondo in più per scrivere qualcosa. A proposito di scrittura, poi capita che anch'io avrei voluto interagire con voi, per chiedere notizie su un disco, per ricerche ed un libro che sto scrivendo e, malgrado alcune email, non abbia ottenuto risposta.... Penso che sia nello stato delle cose che, tra lavoro, problematiche personali e familiari ed altro, non ci sia tempo per ulteriori confronti. Scusandomi per eventuali lungaggini ed incomprensioni, vi manifesto il mio più grande ringraziamento per tutto quello che state facendo e vi invito a continuare con il nostro incorragiamento.

    RispondiElimina
  24. Cosa dire? Frequento la Stratosfera giornalmente più volte al giorno; praticamente è il primo sito che visito appena mi collego. Riconosco di aver scaricato una buona parte dei post e di aver commentato molto, ma molto raramente, e non solo per la mia scarsa cultura musicale ma, riconosco, forse anche, per pigrizia. Sono d'accordo praticamente con tutti i commenti precedenti da cui si evince una cosa certa: la BLOGOSFERA è veramente molto seguita, silenziosamente, da noi appassionati del genere che, qualora venisse a mancare, ne soffriremmo moltissimo... è già successo con altri bellissimi blog e non vorremmo che si ripetesse. Sta anche a voi constatare che non è facile commentare materiale così particolare: è molto più facile ritrovarsi in tanti dopo la "tirata d'orecchi" a commentare questa situazione. AD MAIORA! Stratosferici amici, grazie veramente, e comunque, per quello che fate.
    P.S.: a proposito, ma per Demetrio Stratos non c'è nulla da commentare? Personalmente ho molte difficoltà con la sperimentazione pura. Chiaramente preferisco gli Area. Ciao Mimmo

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. A me questo album di Demetrio é piaciuto molto, perché le potenzialità della sua voce mi hanno sempre appassionato. Si dà anche il caso che io abiti vicino al Centro di Foniatria dove lavorava il Prof.Lucio Croatto, al quale Stratos si rivolse per capire ed esplorare il suo organo vocale. Croatto lo mise in contatto con il fisico acustico Prof. Franco Ferrero, ricercatore che lavorava presso il CNR. E poi come dimenticare quando con un mio amico cantautore ci cimentavamo nel tentare di riprodurre certi vocalizzi inusitati di Demetrio. Grazie infinite, caro George di questo post immenso! Attendo con entusiasmo l'inserimento di nuove gemme nella Stratosfera.

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  28. A me questo album di Demetrio é piaciuto molto, perché le potenzialità della sua voce mi hanno sempre appassionato. Si dà anche il caso che io abiti vicino al Centro di Foniatria dove lavorava il Prof.Lucio Croatto, al quale Stratos si rivolse per capire ed esplorare il suo organo vocale. Croatto lo mise in contatto con il fisico acustico Prof. Franco Ferrero, ricercatore che lavorava presso il CNR. E poi come dimenticare quando con un mio amico cantautore ci cimentavamo nel tentare di riprodurre certi vocalizzi inusitati di Demetrio. Grazie infinite, caro George di questo post immenso! Attendo con entusiasmo l'inserimento di nuove gemme nella Stratosfera.

    RispondiElimina
  29. Mi fa sempre piacere sentirti, Albe, e ti ringrazio per le informazioni che ci hai fornito. In quanto ai tuoi vocalizzi...che dire? Inviaci un nastro, così li postiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro George, si trattò solo di qualche prova estemporanea, non registrai nulla in quell'occasione. Mi era venuta l'idea di comporre un rock - blues, utilizzando degli assoli vocali oltre a quelli dell'armonica, ma lasciai perdere: Demetrio é inarrivabile, unico, irripetibile.

      Elimina
  30. Non ho mai commentato i vostri post, ma vi seguo sempre attentamente. Soprattutto vorrei ringraziarvi per le informazioni ed i file musicali, che mi permettono di arricchire il mio canale youtube. Grazie ..... continuate così.

    RispondiElimina
  31. sfogo giustissimo, anche se credo ci sia poco da fare (e parlo da persona che commenta pochissimo), però...
    questo disco di Stratos è regolarmente in catalogo e a prezzo bassissimo, era proprio necessario postarlo ?

    RispondiElimina
  32. Perché non postarlo? Solo perché è in vendita?

    RispondiElimina
  33. ciao, mi chiamo Roberto.
    lo ammetto, sono uno dei tanti "colpevoli" che viene a visitare il blog ogni tanto (...quando posso, non quando e quanto vorrei...), scarica qualcosa e non commenta.
    questo non significa che io non apprezzi il lavoro di chi, come voi, alla passione comune aggiunge il lavoro necessario a tener viva una bella cosa come questa. il vostro lavoro è fondamentale per diffondere un patrimonio musicale (e quindi culturale) che altrimenti andrebbe perso. non avete idea di quante volte io abbia "veicolato" musica scaricata dal blog a ragazzi di 18/20 anni, perlopiù musicisti, che hanno scoperto questa musica grazie a voi.
    anche se non commentiamo, sappiamo dare valore a quello che fate e spero che continuerete a fare.
    sappiate che il vostro lavoro è molto apprezzato, e dietro di voi c'è molta gente che vi segue, anche se, lo ammetto, troppo silenziosamente.
    ...del resto, il termine "maggioranza silenziosa" è tipicamente italiano, ed anche se ha sempre una valenza negativa e dispregiativa, è assolutamente conforme alla reltà.
    per favore, continuate!!
    grazie

    RispondiElimina