domenica 14 luglio 2019

Claudio Rocchi - 2007 - Pedra Mendalza Soundtrack


TRACKLIST:

01. Thrill Eva (Sandro Mussida)
02. The Sirens (Walter Maioli)
03. Ellen Macarthur (Jont)
04. Angel Intro (Claudio Rocchi)
05. (As Riddled As) The Tide (Marco Lucchi)
06. Astrodome Siddhi (Cr + Nibil Project)
07. A Cup Of Tea (Feldmann)
08. Micromake (Sandro Mussida)
09. On The Boat (Claudio Rocchi)
10. Rombo (Synaulia)
11. Troppa felicità (Andrea Tich)
12. Nodas (Luigi Lai)
13. Santa Maria Elettrica (Massimo Zamboni)
14. La superficie delle cose (Fabrizio Coppola)
15. Processio (Claudio Rocchi)
16. This Time (Terje Nordgarden)
17. Reeh7 + Sometimes She...(CR + M. Lucchi)
18. Sri Rupa Manjari Pada (Paolo Tofani)
19. Angel Trust (Claudio Rocchi)
20. She's The One (Roby Dellera)
21. 17 inches_2 (Claudio Rocchi)
22. Power Animal (Claudio Rocchi)
23. Mary Magdala (Claudio Rocchi)
24. Thrill Eva (Sandro Mussida)


Prima di proseguire con l'ultimo show mancante dei VDGG (Roma 2005), ritagliamoci una breve pausa per riascoltare questa magnifica colonna sonora realizzata nel 2007 da Claudio Rocchi a supporto dell'omonimo film. Il sito "Arlequins.it" traccia con precisione le caratteristiche di questo lavoro dal sapore psichedelico. Vi riporto fedelmente il testo.
Pedra Mendalza” è una rocca vulcanica situata nel territorio di Giave, in provincia di Sassari.”Pedra Mendalza” significa ”la pietra che lava”,”che purifica”; è anche il titolo dell'ultimo lavoro di Claudio Rocchi (siamo nel 2007 - ndr), un lungometraggio da lui scritto, diretto e prodotto, definito nei titoli di testa “A digital tale with music”, nel quale l'autore apporta anche la sua voce narrante e la sua musica. Il racconto si snoda attraverso una trama inframmezzata da elementi documentaristici che riguardano luoghi, leggende e tradizioni popolari della Sardegna; è la storia di un viaggio che dai Navigli di Milano porta alla Sardegna e l'attraversa alla scoperta di alcuni tra i suoi più misteriosi luoghi; ma è anche la storia di un viaggio interiore che la protagonista compie alla ricerca di sé stessa in uno scenario psicologico denso di elementi simbolici, esoterici, anche magici. 


All'interno del racconto si aprono ampie finestre dedicate all'interpretazione dei misteri e delle leggende che circondano i luoghi sacri nuragici, curate dall'antropologa Dolores Turchi, studiosa di tradizioni popolari sarde. La regia visionaria di Claudio Rocchi è appoggiata, oltre che da una ricercata fotografia, da una colonna sonora ben assortita, assolutamente funzionale alla narrazione: è la musica di Claudio Rocchi a fare la parte del leone con otto brani, per lo più strumentali e inediti. Sono comunque numerosissimi e significativi i contributi “esterni”: la chitarra interrogativa di Massimo Zamboni con “Santa Maria Elettrica” diffonde un'atmosfera di mistero; la chitarra mistica di Paolo Tofani con “Sri rupa majari pada” invita alla meditazione; il rock senza indecisioni di Roberto Dellera con “She's The One” irrompe in un'esplosione di colore; il maestro Luigi Lai con le sue fantastiche launeddas riporta forte l'attenzione sulla terra sarda in “Nodas”; i catanesi Feldmann si incaricano di trarre le conclusioni con l'intimistica “A Cup of Tea”. E poi Walter Maioli, Andrea Tich, Fabrizio Coppola, Sandro Mussida, Terje Nordgarden (che compare in carne e ossa nel film), Marco Lucchi, Jont e altri ancora; il tutto contribuisce a comporre una colonna sonora di spessore, che rende scorrevole la narrazione e che valorizza al meglio gli effetti visivi".


Il film, se ancora non lo avete acquistato in DVD, potete sempre vederlo su Youtube nella sua integrità e lo troverete qui
La colonna sonora la potrete scaricare cliccando il link qui sotto. Buon ascolto.


LINK

Post by George

3 commenti:



  1. Veramente eccellente. Ma qualcuno potrebbe postare anche l'album "In alto"?


    RispondiElimina
  2. "In alto" (album notevole) è stato pubblicato nel 2012. Troppo recente per essere postato.

    RispondiElimina
  3. Brani ipnotici, visionari, che ti trasportano in altre dimensioni: grazie mille carissimo George e se vorrai postare altre chicche di Claudio Rocchi, saranno un cadeau graditissimo.

    RispondiElimina