sabato 21 maggio 2022

Auto Drive System - 197? - First Work (musicassetta)

 

TRACKLIST:

Lato A
01. Amore e fantasia
02. Nascik
03. Adagio

Lato B
04. Marocco
05. Dream


Per intercessione dell'amico Frank-One (che lo conosce molto bene) sono entrato in contatto "epistolare" con il nostro faro e maestro Augusto Croce, che non ha certo bisogno di presentazione. La sua passione musicale unita alla cura nella ricerca storica dei protagonisti del progressive italiano, dai gruppi più osannati a quelli più oscuri, ma non per questo meno affascinanti,  insieme alla cultura e alla competenza musicale, lo ha portato a realizzare quel sito e quel volume (ItalianProg) che sono diventati per tutti noi un indiscusso punto di riferimento e una miniera di informazioni. Detto questo, Augusto mi ha portato a conoscenza dell'esistenza di una musicassetta realizzata da un "ultra oscuro" gruppo di prog denominato Auto Drive System. Le cinque tracce che compongono la MC sono state pubblicate sul canale YouTube di Alessandro Cristini che voglio citare e ringraziare per l'opera di recupero e di digitalizzazione di questo gioiellino dimenticato. Alessandro possiede l'unica copia conosciuta della cassetta ed è assolutamente lodevole l'iniziativa di non tenerla segregata in un cassetto ma di metterne il contenuto a disposizione di tutti gli appassionati. A maggior ragione credo sia un bel regalo per i frequentatori della Stratosfera, sempre alla ricerca di rarità e album di nicchia. Ma poi, diciamocela tutta: chi, se non la Stratosfera, poteva pubblicare questo raro materiale?


Le uniche informazioni su questo trio, proveniente dal Nord Est (chissà se qualche lettore ne ha mai sentito parlare) le ho tratte dalla pagina YouTube. Il titolo di questo unico lavoro degli Auto Drive System e "First Work" (lasciando presagire chissà quale futuro), l'etichetta è la Selenia Record, con n. di catalogo E B 0201 e l'anno di pubblicazione dovrebbe essere ricompreso nella seconda metà degli anni '70, deducibile dal timbro SIAE del secondo tipo. I componenti del gruppo sono E. Bernardi alle tastiere, S. Bordato alla chitarra e M. Facchin alle percussioni. I nomi di battesimo, al momento, restano ignoti. Le cinque tracce, tutte strumentali, sono all'insegna di una ottimo prog rock che strizza l'occhio alle grandi band britanniche dell'epoca (in primis E.L. & P) , specie per le parti di organo e di synth, ma la chitarra fa un gran lavoro, andando a rifinire e completare le composizioni del trio. Veramente un gran bell'album, che incarna al meglio i suoni tipici degli anni '70.
Concludo ringraziando ancora una volta Alessandro Cristini che merita i nostri complimenti per il recupero e la condivisione della Mc, poi sicuramente Augusto Croce per le preziose informazioni e , infine, Frank-One (altro grande cultore, appassionato e collezionista di album prog) che ha favorito questa triangolazione. Spero che il cadeau sia di vostro gradimento. 
Vi lascio con il consueto buon ascolto.



Post by George - Music by Alessandro Cristini

8 commenti:

  1. Cavolo George, non potevo immaginare che il metterti in contatto col Maestro Augusto Croce (una delle più belle persone da me mai conosciute) avrebbe dato origine ad un simile risultato. A saperlo avrei provveduto prima. In ogni caso un grazie a te e al grande Augusto e ad Alessandro Cristini al quale va il merito, come da te ben sottolineato, di non chiudere un raro oggetto se non unico, quasi, in un raccoglitore gustandolo poi da solo, ma di avere deciso di condividere con noi tutti tale rarità. Frank - One

    RispondiElimina
  2. Per dirla tutta, Augusto mi ha fornito anche una serie di informazioni (e relativi link) di una formazione forse ancora più misteriosa, tale Angolo Buio, con alle spalle un solo LP risalente ai primo anni '70 dal titolo "L'urlo dall'angolo buio". Su Youtube vi sono però solo 3 brani dei 12 che compongono l'album. Sarebbe bello recuperare l'intero disco, ma credo sia una sorta di mission impossible.

    RispondiElimina
  3. Grazie a voi, Frank-One e George, per la stima che mi dimostrate ogni volta, e all'amico Alessandro per aver condiviso questa cassetta. A me è piaciuta molto e spero che qualcuno possa darci delle notizie sui tre musicisti

    RispondiElimina
  4. Salve, ringrazio voi per la diffusione di questo album di cui sono entrato in possesso qualche mese fa. Sono felice che piaccia, d'altra parte ascoltandolo avevo subito intuito che fosse un ottimo album e che avrebbe attirato l'attenzione dei cultori del genere. Purtroppo ancora non sono riuscito a reperire informazioni sui componenti né sull'album.. è come se non fossero mai esistiti.. eppure questo nastro esiste, non so in quante copie e non ho la più pallida idea di quante se ne siano salvate. Spero che i frequentatori del blog, del sito di Augusto (che ringrazio per l'inserimento sul suo sito) e di YouTube possano fare luce sul gruppo che realizzò questo misterioso album.

    RispondiElimina
  5. Quindi anche il nome e il titolo sono supposizioni.... potrebbero chiamarsi First work e il titolo dell'album Auto drive system. Anche se per deduzione e dal retro sembra giusto così com'è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è una supposizione.. comunque, penso sia sensata😅

      Elimina
  6. Cassetta davvero sfiziosa che devo dire ho approcciato con malcelato sospetto si trattasse di cosa di poco conto ed invece ci sono spunti interessantissimi. I brani sebbene un po' ripetitivi hanno comunque un'adeguata profondità ed è un vero peccato che non si sappia niente di questo trio che ho provato a ricercare su facebook senza risultati apprezzabili. Ringrazio anch'io Alessandro Cristini per la disponibilità e Augusto Croce, grande persona e amico anche se è una vita che non ci sentiamo e vediamo.

    RispondiElimina